Brutto incidente per Susan Sarandon: commozione cerebrale e naso rotto

L’attrice, 73 anni, posta un’immagine su Instagram in cui mostra il volto tumefatto e le ferite riportate nell’incidente nel quale è stata coinvolta

“Uno scivolone: commozione cerebrale, naso rotto, ginocchio fratturato”. A scriverlo su Instagram è Susan Sarandon, postando due foto che mostrano ai suoi 1,3 milioni di follower le ferite riportate in seguito ad un brutto incidente domestico. L’attrice, 73 anni, è stata costretta da questo capitombolo ad annullare la sua presenza nel New Hampshire con il senatore Bernie Sanders, il candidato democratico che sta supportando alle primarie nella campagna elettorale delle prossime elezioni presidenziali degli Stati Uniti.

Sarandon, sempre critica con le politiche del presidente Trump fino a farsi arrestare nel corso di una protesta a Washington, ne ha approfittato per ribadire il suo sostegno a Sanders. “Non è il momento di un ‘percorso’ verso o di un ‘quadro’ per minuscoli cambiamenti – scrive sui social –. Le emergenze richiedono una leadership solida e visionaria. Il senatore Sanders ha combattuto per la giustizia sociale, razziale ed economica per tutta la vita, molto prima della sua candidatura, spesso prima che fosse ammissibile. Adesso è giunto il momento per noi di lottare per lui”.

Susan Sarandon: “Questa è un’emergenza”

Nel resto del post, la leggendaria e prolifica attrice, ripetutamente finita in galera per le sue azioni di disobbedienza civile, conferma il durissimo giudizio sul presidente degli Usa. “Questa è un’emergenza – scrive la star premio Oscar per Dead Man Walking. Chiedete agli scienziati, ai contadini, alle creature del mare. Chiedete a tutti coloro che hanno perso le loro case a causa di uragani, inondazioni e incendi, chiedete al flusso infinito di ‘profughi climatici’, e alla gente di Flint, San Juan e Standing Rock”.

Sarandon vuole far aprire gli occhi agli elettori di Trump. “Chiedete alle madri che hanno perso i loro figli a causa dell’epidemia di oppioidi o del prezzo dell’insulina – aggiunge –. Chiedete alle madri che hanno perso i loro figli a causa della violenza delle armi nelle scuole, nelle chiese, nelle loro camere da letto. Questa è un’emergenza. Chiedete a chi è separato dalle famiglie alla frontiera, o a chi è separato dai propri cari da un sistema carcerario ingiusto, razzista e prezzolato. È un’emergenza quando i nostri giovani non hanno speranze per l’istruzione, per la realizzazione dei sogni, a causa dell’insormontabile debito studentesco. Quando gli insegnanti sono costretti ad avere lavori aggiuntivi e quando 40 ore di lavoro onesto possono ancora lasciarti povero. Quando l’omofobia, l’islamofobia, la transfobia e il razzismo uccidono, questa è un’emergenza”.

Visualizza questo post su Instagram

A little slip = concussion, fractured nose, banged up knee. So, looks like I won’t be able to meet the folks in New Hampshire with Senator Sanders tomorrow. I’m really sorry I’ll miss that opportunity but here’s what I’d hoped to say: This is an emergency. Ask the scientists, the farmers, the creatures in the sea. Ask all those who have lost their homes from hurricanes, flood and fire, ask the endless stream of climate refugees, and the people of Flint, San Juan, and Standing Rock. This is a emergency. Ask the mothers who have lost their children to the opioid epidemic or because of the price of insulin. Ask the mothers who have lost their kids to gun violence in schools, in churches, in their bedrooms. This is an emergency. Ask those separated from their families at the border, or those separated from their loved ones by an unjust, racist, for-profit prison system. This is an emergency when our young people have no hope for education, for dream-making, because of insurmountable student debt. When teachers are forced to have additional jobs and when 40 hours of honest labor can still leave you in poverty. When homophobia, Islamaphobia, transphobia and racism take lives, that is an emergency. This is not the time for a “pathway” to or “framework” for incremental change. Emergencies require bold, visionary leadership. Senator Sanders believes in us and that together a better world is possible. He has been fighting for social, racial and economic justice his entire life, long before running for President, often before it was acceptable. Now it’s time for us to fight for him.

Un post condiviso da Susan Sarandon (@susansarandon) in data:

Commenti

tiromancino

Dom, 24/11/2019 - 18:20

Si è data una legnata e già che c'era ha profittato per darne anche a Trump. Forte l'arzilla

amicomuffo

Lun, 25/11/2019 - 09:20

e' facile pontificare quando si ha la pancia piena ed il conto in banca senza problemi di liquidità. Tanto loro vivono nei quartieri chic dove la delinquenza è molto limitata!