"E invece io ballerò: a 50 anni si è giovani. Heather? La rispetto"

L'altra showgirl è su di giri per il rientro su Raiuno: «Per me un grande regalo di Natale»

"E invece io ballerò: a 50 anni si è giovani. Heather? La rispetto"

Smagliante, radiosa, impeccabile, un sorriso per tutti, una parola per chiunque. Lorella Cuccarini affronta col professionismo di sempre il debutto di Nemicamatissima. Anche se questo non è un debutto come gli altri.

Come avete fatto a preparare questo show, lei e la Parisi, senza incontrarvi mai?

"E chi l'ha detto, che non ci saremmo incontrate mai? Ma vi pare possibile? Saremmo state due matte!".

Che senso ha per lei tornare al grande varietà? E con la sua «competitor» di sempre?

"Tornare a respirare un'aria che mi mancava da quattordici anni, dallo show con Morandi. Un enorme regalo di Natale, da aprire con calma e gustare fino in fondo. La gioia di lavorare con Heather, noi che non l'avevamo fatto mai. E chi vuol leggerci la sfida, padronissimo. Del resto c'è il titolo, a suggerirlo".

Quanto siete simili o invece diverse, voi due?

"Simili nella caparbietà, nello stakanovismo, nel perfezionismo. Diverse in tutto il resto. Punti in comune: è così importante trovarli? Il bello è proprio questo: siamo talmente lontane, che stiamo benissimo vicine".

Forse c'è l'età che (quasi) vi accumuna...

"Se volessi fare la civetta preciserei che io ero nel suo corpo di ballo quando lei era già vedette... Tutti si meravigliano che a 50 anni io possa ancora sgambettare. Ma a quest'età non si è proprio decrepite... E quando ho visto Liza Minnelli ancora magnifica a 75, mi sono detta: ancora un po' di tempo ce l'ho".

Innegabile che Nemicamatissima giochi sull'effetto nostalgia. Che la sua collega dichiara di odiare...

"A me sembra invece una parola bellissima. Purché, guardando al passato, ci si sappia reinventare".

E poi gli anni ottanta stanno tornando di moda...

"E' stato un periodo fantastico! C'era la sensazione che tutto si potesse fare: traspariva dalla moda, dalla musica... Se riusciremo anche solo a suggerire quella stessa gioia di vivere, allora avremo fatto bingo".

Che ne pensa della scelta della sua collega, che da undici ani ha mollato tutto?

"La rispetto. Considero Heather un talento straordinario: sognavo di fare questo mestiere proprio guardandola in tv. Se lei è felice così... Certo: un po' mi fa rabbia, con tutto il suo estro, la sua personalità".

In conclusione: amiche o nemiche?

"Ma adorabilmente nemiche. O odiosamente amiche. Ovvio!".

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento