Emis Killa senza freni su Twitter. Le offese (gratuite) alle donne

Emis Killa è un provocatore, che da tempo si diverte a scatenare i social contro di lui per creare movimento sui suoi profili. Ieri, con due tweet dal sentore sessista ha innescato una valanga di critiche che ancora non hanno fine

Emis Killa senza freni su Twitter. Le offese (gratuite) alle donne

Emis Killa sembra aver perso qualunque tipo di freno inibitore sui social stando agli ultimi messaggi pubblicati su Twitter, che hanno scatenato l'ira degli utenti. Una delle peculiarità del cantante è quella di non avere peli sulla lingua e di parlare senza filtri ma il buon senso e il vivere civile impongono che, a volte, sarebbe meglio porsi dei limiti. Sono in particolare due i tweet che hanno innescato la rivolta social contro Emis Killa ed entrambi hanno per oggetto, o meglio bersaglio, le donne.

Nel primo tweet si è scagliato contro una ragazza che, a suo avviso, lo avrebbe “trattato male a caso” definendola “inchi*****le.” Ha addossato la colpa del presunto comportamento della ragazza al fatto che “le persone che non si piacciono sono più scorbutiche”, una teoria che non ha nessun fondamento e che ha suscitato le ire dei social. Emis Killa è stato accusato di sessismo, di maschilismo da tantissimi utenti che hanno commentato con rabbia sotto il suo post, che però ha ottenuto ben 44 retweet e più di 400 mi piace.

“Una persona con il tempo può diventare più bella. Tu, invece, rimani sempre un ignorante di merda”, ha scritto una ragazza sull'onda emotiva delle parole di Emis Killa. “Mi stai onestamente deludendo, pensavo fossi diverso... Ultimamente posti solo stronzate”, ha commentato un'altra visibilmente rammaricata nel leggere certi pensieri da parte di quello che, probabilmente, era il suo idolo. “Ma zio, ti hanno hackerato il profilo o ti è dato semplicemente di volta il cervello?” e questa è un'ipotesi che serpeggia tra diversi utenti, basiti nel leggere certi tweet da parte sua.

Se queste parole hanno colpito la sensibilità di molte persone, lo stesso effetto ha suscitato il tweet successivo del cantante, in cui afferma che “a una donna non dovrebbero mai puzzare le ascelle.” Anche in questo caso le polemiche si sono scatenate in modo feroce, nonostante poco dopo il cantante abbia rettificato scrivendo “uomini puzzoni fate schifo ai porci”.


Molti credono che questa di Emis Killa non sia stata altro che una mossa pubblicitaria per creare un po' di movimento sui social per il lancio del suo nuovo album. È un provocatore, non è la prima volta che assume certi comportamenti online e che causa volontariamente scompiglio, tanto che stamattina ha scritto: “Comunque, mi sono divertito a farvi girare un po' le palle. Ora vado a incontrare i miei fan, vi lascio qua a indignarvi. Buona giornata zozzoni.

Immancabile il commento anche su Instagram da parte di Emis Killa, che con una serie di video nelle storie ha chiarito il suo concetto. Il cantante ha specificato che la sua fosse solamente una provocazione e non un'accusa sessista contro le donne. Lo chiama senso dell'humor e ha ricordato come nei mesi passati ha più volte fatto dissing agli uomini nello spogliatoio della palestra a causa della puzza di sudore. Polemica rientrata, quindi? Non del tutto se si considera che sono tantissime le donne che stanno invadendo il suo profilo Instagram per lasciare commenti non lusinghieri nei suoi confronti.

Commenti