FuoriSerie

Arriva una fiction molto al femminile e molto old style. Si intitola Frankie Drake Mysteries e andrà in onda dal 21 dicembre su Fox Crime. L'ambientazione è nella Toronto degli anni venti e riporta lo spettatore in un Canada dove rombano le prime automobili e risuona alle feste il foxtrot. Al centro della vicenda la prima investigatrice donna della città, ovvero la Frankie Drake del titolo, che con l'aiuto della sua assistente Trudy si trova ad indagare su una varietà di casi ed ovviamente a combattere con l'ovvio pregiudizio di un mondo ancora molto al maschile.

Nella serie il tema dei diritti delle donne, ça va sans dire, è sempre sotto traccia. Ma non lo è mai in modo troppo pedante. Insomma le due sceneggiatrici, Carol Hay e Michelle Ricci, fanno un discreto lavoro mettendo il pubblico davanti ad un prodotto sempre divertente anche se non proprio innovativo. Del resto il duo di produttrici aveva già lavorato anche a un'altra delle serie canadesi più amate: Murdoch Mysteries. E gli elementi erano più o meno gli stessi: il fascino del passato mischiato al gusto delle indagini.

Del resto diciamolo, queste indagini ambientate nel passato hanno almeno il pregio di costringere gli sceneggiatori a inventarsi un percorso di agnizione del colpevole che non si riduca sempre e soltanto a una noiosa rivisitazione di CSI-scena del crimine. Ma in Frankie Drake Mysteries c'è anche qualcosa di più, un ritmo dixieland che l'ha fatta molto apprezzare oltreoceano.

Commenti