Luigi Favoloso, il padre lo difende dalle accuse di Nina Moric

Nella nuova puntata di Domenica Live, il padre di Luigi Favoloso, Michele, ha difeso l'ex gieffino dalle accuse di violenza psicologica e fisica mosse da Nina Moric

Diverse ore fa, in data 26 gennaio 2020, è stata trasmessa la nuova puntata di Domenica Live. E l'appuntamento tv in questione -del format condotto da Barbara d'Urso su Canale 5 - ha visto presentarsi, tra gli ospiti in studio, il padre di Luigi Favoloso. Quest'ultimo, ex concorrente del Grande fratello 15, originario della Campania e classe 1988, era scomparso in circostanze del tutto misteriose lo scorso 29 dicembre. Nei giorni in cui è stato lontano da casa, lo stesso ha fatto sapere di essere in viaggio, senza però chiarire se e quando sarebbe tornato dai suoi. E in vista dell'apparizione tv che Luigi avrebbe registrato a Live, il padre di quest'ultimo ha voluto concedere un'intervista al noto talk domenicale condotto dalla d'Urso. L'uomo ha riportato una versione che, in larga parte, smentirebbe quanto rilasciato dall'ultima fidanzata di Luigi, Nina Moric, di recente. La modella croata aveva, in più occasioni, accusato Luigi di aver inferto violenza fisica e psicologica a lei e al figlio, Carlos.

“Da Nina mi aspetto di tutto -ha esordito, incalzato sulle accuse mosse dalla Moric ai danni del figlio-. La denuncia fatta da lei è un atto vergognoso nei confronti delle donne che hanno davvero subito violenze”. E alle dichiarazioni rilasciate da Michele - questo il nome dell'uomo ospitato a Domenica live- è seguita la reazione della d'Urso, che lo ha redarguito invitandolo a pesare le parole e a fare chiarezza sul caso. “A me Nina non è mai piaciuta, è un personaggio inaffidabile e inattendibile. Nina picchiava Luigi, sì, per le informazioni che abbiamo noi -ha aggiunto l'ospite, in merito alla crisi d'amore che ha visto protagonista l'ormai ex coppia vip-. E può darsi che Luigi abbia avuto una reazione". In qualità di ospite, si è presentata in studio anche la sorella di Michele, Pina, che è la zia di Luigi. E la donna ha avvalorato quanto sostenuto dal fratello: “Quello che dice mio fratello mi è stato confermato dal mio contatto, che ha assistito più volte ad episodi di aggressione e Luigi lo chiamava spesso dicendo che Nina era impazzita. Stanno insieme da più di 5 anni e non siamo mai stati tranquilli”.

All'ascolto della verità di Michele, la d'Urso è rimasta visibilmente di sasso, per poi domandare agli ospiti sibillina: “State dicendo che Nina picchia e lui reagisce? State dicendo che Nina abbia sporto una denuncia falsa?”. Secondo la testimonianza rilasciata da Michele, Nina e Luigi potrebbero essere stati protagonisti di momenti di colluttazione tra loro, nella loro burrascosa relazione, fino a giungere al naufragio del loro amore:"Mio figlio sarebbe stato minacciato da Nina. Ho visto mio figlio con un grande taglio sulla mano... secondo voci, è lui a prenderle... Nina non è per niente affidabile. Io so quello che succede a casa della Moric".

Le accuse di Nina Moric contro Luigi Favoloso

In un intervento concesso recentemente a Live, la modella croata aveva riportato la sua verità dei fatti sulla rottura con Favoloso:“Ho depositato la denuncia con tutte le prove”. In breve, la Moric ha denunciato Luigi, sostenendo che lui abbia mosso violenza ai suoi danni e nei riguardi del figlio avuto da Fabrizio Corona, Carlos. Dei dettagli raccapriccianti quest'ultimi, che rendono la posizione dello scomparso molto critica. "Io gli dico che deve affrontare la giustizia", è l'appello che Nina aveva poi lanciato all'ex, con cui avrebbe rotto i rapporti ancor prima della misteriosa sparizione. "Mio figlio si è ferito e in giro ho raccolto informazioni… -ha fatto, invece, sapere Michele a Domenica live, circa i presunti atti di violenza fisica denunciati dalla modella croata contro Luigi-, sarebbe stata Nina... Ma sono voci… Forse c’è stata un’enfatizzazione di un episodio. Sarà successo un episodio, ma non è violenza reiterata”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.