Rai, le sorelle Parodi floppano ma hanno stipendi d'oro

Non solo Fabio Fazio. Anche la Domenica In condotta dalle sorelle Parodi non decolla. Ma le due sorelle hanno contratti stra pagati

Raiuno vive una grave crisi di ascolti. Non solo il programma di Fabio Fazio va male ma anche la Domenica In di Cristina e Benedetta Parodi sta facendo rimpiangere Pippo Baudo e Massimo Giletti che, a breve, partirà col suo programma su La7.

La "sua Arena" aveva punte di share del Arena del 22% , mentre le sorelle Parodi, la scorsa domenica, hanno registrato uno share che oscillava tra il 9,1 e l' 11,1% contro una Barbara D' Urso viaggiava tra il 16,8 e il 18,4%. Va male anche La Vita in diretta condotta da Francesca Fialdini che ha sostituito Cristina. Ma il flop di Domenica In più che un problema di audience è una questione di investimenti sbagliati. Le due sorelle Parodi costano alla Rai ben 37mila euro a puntata (25mila Cristina e 12 Benedetta). Costo totale dell'operazione: 1 milione e 147 mila euro che, sommati ai 120mila euro spesi che vengono spesi per mandare in onda la trasmissione fanno 3milioni e 720mila euro. Sono tutti calcoli effettuati dal Fatto Quotidiano che rivela come questo flop abbia portato i vertici Rai a congelare il programma el terzo fratello Parodi, Roberto, che sarebbe dovuta partire da gennaio su Raidue.

Il programma di Fabio Fazio ha, invece, un costo di 410 mila euro a puntata, per un totale di 13 milioni e 120 mila a stagione, per quattro anni ma, con il passaggio da Raiuno a Raitre, è sceso dal 20,8% al 14,9%. Una situazione che ha messo in allarme gli investitori pubblicitari che, ora, stanno per chiedere di rinegoziare i contratti o di chiuderli dal momento che la Rai aveva garantito loro uno share tra 16 e il 18%. Il punto anche in questo caso è economico: la Rai ha sottoscritto un contratto con Officina, la società di produzione dello stesso Fazio che fornisce contenuti e ospiti del programma. Ma i problemi di share riguardano anche il programma del sabato sera Celebration su Rai1 che, alla seconda puntata, ha registrato l' 11%, meno della metà del 26,7 di Tu si que vales, lo show di Canale 5. Su Domenica In, produzione interna Rai, invece, Viale Mazzini si dice ottimista:"Abbiamo costruito un programma nuovo che ha bisogno di un po' di rodaggio. Cristina Parodi è una grande professionista e sta già studiando dei correttivi. Siamo tranquilli. Detto questo, noi facciamo servizio pubblico: dobbiamo fare ascolti con una tv diversa da quella di Barbara D' Urso". Ad attaccare la Rai, come di consueto, è il deputato dem Michele Anzaldi che osserva:"In Rai si tolgono o si spostano i programmi che funzionano. E lo spazio che resta vuoto viene conquistato dai concorrenti".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Sab, 28/10/2017 - 12:57

privatizzare la RAI è un imperativo categorico, direbbe Kant

MOSTARDELLIS

Sab, 28/10/2017 - 13:06

Comportamenti mafiosi...

Ritratto di Pippo1949

Pippo1949

Sab, 28/10/2017 - 13:08

Inutile battere e ribattere : la RAI non ammetterà mai il doppio flop per non darsi la zappa sui piedi. In quanto ai compensi stratosferici,fin quando è il popolo bue a pagare col cànone,chissenefrega.!?!?!?

Rottweiler

Sab, 28/10/2017 - 14:26

"... E lo spazio che resta vuoto viene conquistato dagli amici del potente di turno"

silvano45

Sab, 28/10/2017 - 14:32

la pessima qualità della programmazione a cui non corrispondono certo questi compensi superfluo parlare di servizio pubblico con questi politici e questi pseudo manager si potrebbe pensare che esiste un interesse a farci acquistare pacchetti privati!

cameo44

Sab, 28/10/2017 - 14:44

La Parodi ha il marito Renziano quindi un posto in Rai le spetta di diritto e ben strapagato meditate gente le elezioni nazionali sono vicine aprite gli occhi e sturatevi il naso

il sorpasso

Sab, 28/10/2017 - 16:16

Non capisco perchè gli hanno concesso degli stipendi d'oro. Quindi sono ben due i flop: SONO STRAFELICE!!!

Fjr

Sab, 28/10/2017 - 16:58

25 mila una e 12 mila l’altra ma ci rendiamo conto !

19gig50

Sab, 28/10/2017 - 18:42

Tanto pagano gli stupidi degli italiani!!

silvano45

Sab, 28/10/2017 - 19:19

noi facciamo servizio pubblico? ma ci credono a dire queste cose o ci prendono per......La vergogna sta che con i nostri soldi strapagano le persone fanno programmi che nessuno vede e sprecano mentre gli altri fanno profitti.

rosalba cioli

Sab, 28/10/2017 - 20:20

tanto noi paghiamo il canone!

Ritratto di pinox

pinox

Sab, 28/10/2017 - 20:34

il marito di una è un politico Pd, che è sempre una bella referenza da inserire nel curriculum per farsi assumere in Rai.

fenix1655

Sab, 28/10/2017 - 20:40

L'importante è sempre avere buoni amici! Tutto il resto non conta nulla!

lavieenrose

Sab, 28/10/2017 - 20:58

mamma mia quanto paga essere la moglie e la cognata di gori

uberalles

Sab, 28/10/2017 - 23:49

Mi sembra di avere una lontana parentela con la famiglia Parodi: ci sarebbe un contrattino anche per me?

carpa1

Dom, 29/10/2017 - 09:15

Inutile lamentarsi, alla sinistra è con"cesso" tutto anche palinsesti che da buttare nel cesso sarebbe fare un dispetto al cesso.

un_infiltrato

Dom, 29/10/2017 - 09:34

Do' bali, sta trasmisiòn!

Vigar

Dom, 29/10/2017 - 10:22

Che pena.....Patetiche!

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 29/10/2017 - 10:55

Ogni volta che torna a parlare delle nefandezze della rai si ritorna sempre all'unica cosa da fare, vendere, privatizzare. Il resto è noia.

montenotte

Dom, 29/10/2017 - 11:13

Cristina era meglio se restava a Canale 5 ma senza brillare, Benedetta continuare a fare la cuoca fallita. Ma si sà sono entrambe del PD e un buon stipendio bisogna pur darglielo. Mettetele assieme alle sorelle Belen e speditele in Siberia.

carpa1

Dom, 29/10/2017 - 11:22

Ora capisco il vero motivo per aver messo il canone in bolletta elettrica: si trattava non di recuperare gli evasori, quanto piuttosto di non perdere altri contribuenti che, visti i palinsesti, avrebbero inviato una raffica di recessioni dal canone. La sinistra non può fare a meno di tutte le tasse che, negli anni, ha riversato sui cittadini e non importa a che prezzo per questi ultimi. Meditate bene invece di continuare a fare gli str.... (me che avete capito? a fare gli struzzi con la testa sotto la sabbia).