Saviano non salva Ballarò. E Floris prova il sorpasso

Male Giannini su Raitre nonostante l'intervista allo scrittore. Il rivale su La7 è vicino. Trema il vertice di Viale Mazzini...

Massimo Giannini conduce "Ballarò"

Non basta Roberto Saviano a salvare Ballarò . Il talk show politico di Raitre, condotto da Massimo Giannini, martedì sera ha portato a casa il peggior risultato della stagione, nonostante la presenza dell'autore di Gomorra , al centro della cronaca dopo la sentenza del Tribunale di Napoli sulle minacce ricevute dai boss casalesi. Nel complesso Ballarò si è fermato al 5,60 per cento, con 1 milione e 336mila spettatori. Lo scrittore ha portato in dote, nella sezione in cui è stato intervistato, oltre tre punti in percentuale. Subito dopo, Giannini ha perso questo valore aggiunto, franando sotto il 6 per cento. Tra l'altro, nel breve periodo in cui sono stati in scena sia Saviano sia Maurizio Crozza (su La7) ha vinto il comico. Alle 9 e 26 Crozza ha fatto il suo picco, superando l'8 per cento; Saviano era al 6,28 (poi salirà fino al 7,90). Ecco, Crozza e La7. A rendere ancora più dolorosa la sconfitta arriva il risultato della concorrenza. Infatti Giovanni Floris col suo DiMartedì è salito al 5,55 per cento di share, e ha totalizzato 1 milione e 299mila spettatori, piazzandosi a una incollatura dal suo vecchio Ballarò , abbandonato quest'estate per trasferirsi a La7. Ospite di Floris era il leghista Matteo Salvini.

Massimo Giannini, chiamato proprio a sostituire Floris, aveva iniziato la stagione con il buon 11,8 per cento della prima puntata, in cui aveva sfoderato una intervista (a dire il vero soporifera) a Roberto Benigni. I guai però erano saltati fuori già al giro successivo: alla seconda puntata, Ballarò era crollato al 6,5 per cento con ascolti quasi dimezzati. In Rai sono partite le prime frecciate al curaro: per floppare era proprio indispensabile chiamare da fuori l'ex vice-direttore di Repubblica ? L'approdo a La7, per Giovanni Floris, nel frattempo, non è stato rose e fiori. La striscia quotidiana DiciannoveeQuaranta , oggetto della rottura con la Rai, non è decollata ed è stata chiusa. DiMartedì ha stentato anche se, tra alti e bassi, la tendenza è stata in crescita. Fino all'aggancio. Il sorpasso è solo rinviato? Vedremo martedì prossimo.

«Le assunzioni è meglio non farle su twitter». La battuta velenosa girava da settimane nei corridoi della tv di Stato e ieri è finita anche sui social network. È rivolta al direttore di Raitre, Andrea Vianello, molto attivo proprio su twitter da dove, secondo i detrattori, avrebbe pescato, oltre a Diego Bianchi in arte Zoro, Lia Celi e Mia Ceran. Cattiverie a parte, se Floris dovesse superare Giannini sarebbe una débâcle per la linea editoriale, per certi versi innovativa (a esempio le serie tv di qualità) ma asserragliata, dal punto di vista degli ascolti, attorno a Chi l'ha visto? e pochissime altre certezze.

Non che siano in molti a poterne vantare, almeno nel settore dell'informazione. Michele Santoro, a esempio, cede il testimone a Giulia Innocenzi per sei puntate di Announo in onda su La7 a partire da questa sera. Santoro aveva ammesso una certa stanchezza, forse acuita strada facendo dal litigio con Travaglio e dagli ascolti calanti messi in discussione dalla concorrenza di Virus , condotto da Nicola Porro su Raidue. E poi c'è il lunedì. La piazza di Quinta colonna di Paolo Del Debbio, su Rete4, è in ascesa (5,8% il dato di questa settimana) rispetto al rivale Piazzapulita di Corrado Formigli su La7 (4,1%).

La guerra dei talk quindi continua: complessivamente in palio c'è il dieci per cento di share della prima serata. Vedremo se qualcuno sarà capace di mangiare tutta la torta o se i contendenti continueranno a fare metà ciascuno.

Il risultato di «DiMartedì» di martedì sera pari a un milione e 299mila spettatori

Lo share di «Ballarò» martedì sera, pari a 1 milione e 336mila spettatori. Peggior risultato dell'anno

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

linoalo1

Gio, 13/11/2014 - 10:48

Sempre e solo colpa di Berlusconi!!Se non fosse invecchiato e se fosse ancora in auge,loro,i Giustizialisti,avrebbero ancora il solito argomento da trattare ed ancora gli stessi Ignorantoni che li ascoltano e li guardano!Lino.

Ritratto di pipporm

pipporm

Gio, 13/11/2014 - 11:05

Eppure fino a qualche giorno fa il tifo era contro Floris. Ora è controdentenza, chissà i motivi

Ritratto di pipporm

pipporm

Gio, 13/11/2014 - 11:05

Eppure fino a qualche giorno fa il tifo era contro Floris. Ora è controdentenza, chissà i motivi..

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Gio, 13/11/2014 - 11:34

QUESTE TRASMISSIONI ORMAI SONO INUTILI, LA GENTE NE HA PIENE LE PALLE DI SENTIRE SEMPRE LE SOLITE STRONZATE. LA RAI POI AMA SPRECARE I SOLDI PUBBLICI...E' UNA SUA GRANDE PREROGATIVA.

giovauriem

Gio, 13/11/2014 - 11:47

ma cosa vi aspettavate da un "bravo" di de benedetti senza arte ne parte messo lì per fare gli interessi del suo padrone,secondo voi perchè berlusconi si è defilato e mantiene un basso profilo ? proprio per distruggere queste mezze calzette come santoro,travaglio,floris,lerner,ecc. ormai sono tutti scoppiati

lisanna

Gio, 13/11/2014 - 12:30

non mi strappo certo i capelli per i flop di due tanto odiosi come Floris e Giannini. E' vero che la gente ne ha le palle piene di tutti questi cosiddetti talk, dove sempre gli stessi , a ondate, dicono sempre le stesse cose. E i conduttori che parlano di disoccupati e di povertà con le tasche milionarie????

meloni.bruno@ya...

Gio, 13/11/2014 - 12:52

Giannini è parte di un boomerang per aver denigrato colui che gli aveva dato visibilità attaccandolo nella stessa trasmissione che lui dirige come premio della sinistra,si sono dati la zappa sui piedi e sono al suicidio degli ascolti come dei dilettanti allo sbaraglio,e come recita un proverbio:Chi è causa del suo male pianga se stesso!E sono parecchi!

lavativo1

Gio, 13/11/2014 - 15:10

Ma Porro?: che doveva essere l'anti "anno zero", anti ballaro, anti report, tutte trasmissioni che "rubavano" i nostri soldi del canone RAI, vero? Mi domando: MA CHE ASCOLTI RAGGIUNGE? 900.000=3% poco più, dai! non sono questi i nostri problemi. C'è il telecomando!

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Gio, 13/11/2014 - 20:26

Caro Gnocchi, il risultato di Giannini è stato pessimo non "nonostante la presenza dell'autore di Gomorra", ma proprio A CAUSA della suddetta presenza. Il paraguru de noantri non tira più, anche a sinistra si sono accorti - con qualche anno di ritardo, come al solito - che non è un grande scrittore e, dopo la sentenza di qualche giorno fa, ai suoi piagnistei non crede più nessuno. In quanto a Giannini, ricorda sempre più il sindaco di Roma Marino: l'uomo sbagliato nel posto sbagliato. Chissà come mai il direttore di Rai3, con tanti giornalisti della sua rete pienamente in grado di rimpiazzare Floris (che, diciamolo, non è certo un Santoro), si sia rivolto a questo vero e proprio "marziano" (anche per il cachet stellare che introita). E noi, come sempre, paghiamo...