Schindler's List, così venne terrorizzata una sopravvissuta all'Olocausto

Schindler's List è uno dei film più rappresentativi della Shoah: il film di Spielberg fu così preciso nella ricostruzione di quel periodo da spaventare persino una delle sopravvissute all'Olocausto

Schindler's List, così venne terrorizzata una sopravvissuta all'Olocausto

Schindler's List - La lista di Schindler è il film di Steven Spielberg che andrà in onda questa sera alle 20.33 su Iris per celebrare la Giornata della Memoria. La pellicola racconta la vera storia di Oskar Schindler, un uomo che riuscì a salvare centinaia di ebrei dai campi di concentramento.

Schindler's List, la trama

È il 1939 e la Germania ha appena invaso la Polonia, all'inizio della Seconda Guerra Mondiale. Gli ebrei, come avviene anche in altre parti d'Europa, vengono relegati nei ghetti e gli viene reso impossibile l'accesso alle attività commerciali. Intanto Oskar Schindler (Liam Neeson) decide di avviare una fabbrica per rifornire l'esercito tedesco. La sua abilità negli affari e le sue capacità relazionali gli fanno ottenere la protezione delle SS e la possibilità di vedere la sua azienda crescere, anche con l'aiuto del contabile ebreo Itzhak Stern (Ben Kingsley) che gli indicherà almeno mille ebrei da impieregare nella Deutsche Emaillewarenfabrik (DEF), salvandosi così dalla morte orribile che li attende nei campi di concentramento.

La situazione però degenera quando in città arriva l'ufficiale delle SS Amon Goeth (Ralph Fiennes), famoso per la sua crudeltà gratuita. L'ufficiale ha l'ordine di sgombrare il ghetto di Cracovia e di inviare gli abitanti nel campo di concentramento di Kraków-Płaszów. Goeth procede con una violenza e una cattiveria che lasciano Oskar interdetto e lo spingono ancora di più a cercare un modo per salvare i suoi operai, per impedire loro di morire nello stesso modo in cui ha visto altri perdere la vita.

Il terrore dei superstiti ebrei

Il film di Steven Spielberg - che l'anno prossimo celebrerà il trentennale - è una delle pellicole simbolo delle testimonianze della Shoah ed è una pellicola che celebra un vero e proprio eroe della Seconda Guerra Mondiale, un uomo che ha usato la sua influenza ma anche i suoi soldi per salvare da morte certa centinaia e centinaia di persone. Girato quasi interamente in bianco e nero, Schindler's List è un film che, sebbene facendo largo uso di toni drammatici ed emotivi, mira a raccontare una pagina nerissima della storia del Novecento e, per farlo, si concentra soprattutto sulla verosimiglianza dei suoi protagonisti. Non solo l'Oskar Schindler di Liam Neeson ma anche - e forse soprattutto - l'Amon Goeth portato sul grande schermo da Ralph Fiennes, diventato poi famoso al grande pubblico per aver interpretato Lord Voldemort nella saga di Harry Potter.

L'interpretazione dell'attore fu così precisa e verosimile che finì con lo spaventare una sopravvissuta dell'Olocausto. Come racconta il sito dell'Internet Movie Data Base Mila Pfefferberg, che sopravvisse agli orrori dei campi di concentramento, fece una visita sul set del film di Spielberg e venne presentata a Ralph Fiennes, vestito già come Amon Goeth. La somiglianza con il vero ufficiale delle SS era tale che la donna cominciò a tremare in modo incontrollato, come se la vecchia paura fosse tornata in superficie. Ripresasi dallo choc dell'incontro, la Pfefferberg raccontò anche un aneddoto macabro del suo incontro con il vero Goeth. Come viene ricostruito da Movieplayer.it la donna si trovava in fabbrica, dove stava costruendo una maniglia per una porta quando l'ufficiale delle SS le si avvicinò e le disse: "Se non lo fai bene, ti sparo in testa". La donna continuò il suo lavoro e riuscì a portarlo a termine senza commettere errori, sotto lo sguardo glaciale di Goeth. Questi, alla fine, uscì e solo allora la donna di rese conto di quanto avesse rischiato.

Commenti