Cacciato per sesso a tre in bagno. Ma Siffredi: "Ora querelo"

Lamentele per "tonfi e gemiti" provenienti dal bagno. Ma il pornodivo non ci sta

Cacciato per sesso a tre in bagno. Ma Siffredi: "Ora querelo"

Rocco Siffredi cacciato da un locale a Santa Margherita Ligure per essersi appartato con due donne in bagno ed aver consumato un rapporto a tre.

La vicenda risalirebbe al 5 novembre scorso - dice la stampa locale -, quando l'attore porno era stato invitato in una discoteca di Genova per un evento. Prima, però, avrebbe cenato in riviera. Ad un certo punto della serata, Siffredi si sarebbe chiuso in bagno con due donne.

Secondo quanto riporta un quotidiano locale, "subito dopo si sono avvertiti distintamente tonfi e grida di piacere". L'imbarazzo in sala era talmente tanto che alcuni clienti hanno chiesto di allontanare il pornoattore.

Il gestore non avrebbe infine avuto grossi problemi a convincere il pornoattore e le sue collaboratrici ad allontanarsi. Un piccolo "scandalo" venuto alla luce solo alcuni giorni dopo i fatti e che non ha provocato alcuna lite o dura contestazione nei confronti del divo del porno. Solo enorme imbarazzo nel sentire l'attore in bagno con due donne.

Scandalo che, però, l'attore smentisce con forza. "Questo bigottismo tipico italiano per cui ci si butta a capofitto su notizie false e pruriginose mi ha stancato", dice al Fatto quotidiano, sostenendo anche che ora "partirà una querela", per quella che dice una storia inventata di sana pianta.

E se sulla questione le versioni non collimano, su un altro fatto, la "convocazione" di Antonio Cassano, ci sono pochi dubbi. Dalla sua pagina facebook Siffredi ha lanciato una proposta al calciatore. "Lo prenderei all'istante per uno dei miei film, è il numero uno, la Malena pugliese ti aspetta".

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento