Un viaggio in Italia sulle orme di Nietzsche

Luigi Iannone

Ci sono libri sepolti come tesori dimenticati, rimossi dal conformismo e dalla sciatteria, ed autori che non figurano in nessun catalogo perché condannati all'oblio. Gennaro Malgieri, curatore de La Biblioteca ritrovata, nuova collana di Historica edizioni, ha iniziato a tirare a lucido alcune di queste perle. Nei prossimi mesi ritroveremo Augusto, la biografia politica dell'imperatore il cui autore, Goffredo Coppola, tra i più grandi filologi del Novecento, è stato di recente rivalutato da Luciano Canfora, ma menzionato per lungo tempo solo per essere uno dei fucilati a Dongo. Sarà poi la volta di Theodor Mommsen con Viaggio in Italia e di Renato Serra. È invece già in libreria Nietzsche in Italia (pagg.130, euro 13). Scritto nel 1929 da Guy de Pourtalès, biografo di Franz Liszt, Richard Wagner e Ludwig di Baviera, questo volumetto è un serbatoio di aneddoti in cui le vicende del filosofo che, nell'autunno del 1876 viene per la prima volta nel nostro Paese, sono narrate con scrittura colta. Ridefinito attraverso le tappe italiane, è una sorta di percorso iniziatico di un Nietzsche che fugge da passato e giovinezza. Sofferente nell'animo per il deteriorarsi del rapporto con Richard Wagner e per l'allontanamento dalla moglie Cosima Litszt. Ma anche malato nel corpo.

Appena giunto a Genova, prima tappa dopo Ginevra, chiude le persiane nella sua camera d'albergo e resta al buio per un intero giorno. Sono i primi sintomi di ciò che sta per accadere alla sua vista. Ma da qui in poi c'è il racconto di un Nietzsche intimo che cerca nella solarità mediterranea il riscatto da tristezze e acciacchi. È infatti al Sud che si sente vivo. Guy de Pourtalès ci racconta tanto perché le città corrispondono a mille altri cambiamenti e stati d'animo. Sono persino gli interessi musicali a mutare. A Sorrento ascolta Beethoven, a Venezia dove è spesso a cena con Peter Gast e consuma solo un uovo al guscio e un bicchier d'acqua, null'altro che Chopin. Quindi Messina e Roma. Mete turistiche che continuano a confondersi con i congegni oscuri della sua mente e non lo priveranno di amori come quello con Lou Salomè. Un cerchio che si chiuderà a Torino, il luogo dell'abisso.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.