Vince il luogo comune buonista ​e perde la comicità

Caro direttore, ho letto in prima pagina del tuo giornale l' articolo del mio amico Massimo Boldi sul film Tolo Tolo di Zalone. Al film Boldi dedica tre righe e poi invece si sofferma a lungo su Checco, la loro amicizia e il suo perdurante apprezzamento per il comico. Dal giudizio stringato del film mi è sorto il dubbio che magari non l' avesse proprio visto oppure che, come me, abbia sonnecchiato per tutta la durata. Una noia infinita e solo un paio di battute carine, al massimo da sorriso, quando Zalone si ricordava di essere un comico e non una specie di cugino della Boldrini senza nemmeno la passione della ex Presidente della Camera ma solo con un etto di opportunismo. Sul contenuto del film: tutti i luoghi comuni buonisti sull' immigrazione, compresa la scena finale del ricongiungimento (non poteva mancare) del simpatico bimbo africano con il padre in Italia del quale mai si era parlato nel film. Per onestà va detto che la scelta delle canzoni della colonna sonora è piacevole; azzeccata per esempio Vagabondo di Nicola Di Bari anche se invece, viene travisato il messaggio di Faccetta nera che semmai segnò in positivo la diversità del colonialismo italiano rispetto a quello degli altri Paesi europei. Ma il dato principale è che Checco Zalone, pur di ricercare un giudizio positivo della critica radical-chic e di sinistra, rinuncia al meglio della sua proverbiale verve comica per rifugiarsi in un noioso filmetto di spicciola propaganda. Per questo insisto a dire che per certi film dovrebbe valere il... soddisfatti o rimborsati.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Morion

Sab, 04/01/2020 - 10:09

...soddisfatti o rimborsati...Detto da uno che è citato nella classifica dei politici scrocconi che entrano allo stadio gratuitamente...fa specie!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 04/01/2020 - 10:09

Beh, almeno non sono il solo.

apostata

Sab, 04/01/2020 - 10:15

il nostro paese si affida ai guitti di turno

venco

Sab, 04/01/2020 - 10:32

Il fine di tolo tolo dice che siamo tutti umani, certo, certo ma ognuno a casa propria nel proprio benessere, e in Africa adesso il cibo non manca a nessuno.

Macrone

Sab, 04/01/2020 - 10:47

Lasciando perdere le questioni politiche, il film a mio parere è penoso in generale, copione, sceneggiatura, battute, tutto scontato e mal recitato. Una delusione totale, lo avessi saputo prima non sarei andato a vederlo. Nulla a che vedere con il precedente film di Zalone.

DRAGONI

Sab, 04/01/2020 - 10:56

LA ZUPPA PER CONTINUARE AD AVERLA DAI CATTO COMUNISTI FA SOLO PRODURRE DI QUESTI PRODOTTI LA CINEMATOGRAFIA NAZIONALE E NON SOLO QUESTA.

Arslan

Sab, 04/01/2020 - 11:00

Ma come...tutti ad applaudire il trailer del film con la canzone di Zalone, ed ora? Fate pena...

routier

Sab, 04/01/2020 - 11:10

Un film con una cripto "finestra di Overton" in favore dell'Africa nera. Chi si contenta, gode!

Marroz

Sab, 04/01/2020 - 11:25

Stavolta non sono d'accordo col Giornale e la Russa. Il film non é buonista tout-court anzi, secondo me é molto equilibrato, evidenziando le problematiche dell'immigrazione da tutti i punti di vista. Come nei precedenti film poi Zalone ne ha per tutti: basti pensare, ad esempio, come rappresenta due personaggi del film, il giornalista francese e l'immigrato intellettuale entrambi, alla fine, come egocentrici, traditori e arrivisti.

Abit

Sab, 04/01/2020 - 11:28

Il film mi é parso piuttosto « scemotto » forse perché da quasi 50 anni vivo in quei paesi !

6077

Sab, 04/01/2020 - 11:37

ci avrei scommesso: la canzoncina era solo uno specchietto per allodole, un modo come un altro perchè se ne parlasse. un'altro film che non vedrò nemmeno a scrocco su internet, tanto non ne fanno uno senza qualche fastidiosa melensità.

Ritratto di giubra63

giubra63

Sab, 04/01/2020 - 11:53

Boicottare il film anti Patriottico W l'Italia libera e Sovrana

circol95

Sab, 04/01/2020 - 12:35

Bene, non spenderò i miei soldi per vedere il solito papocchio buonista.

Ritratto di Lucio Flaiano

Lucio Flaiano

Sab, 04/01/2020 - 12:39

Lucio Flaiano. Zalone è furbone. È imbevuto più che di luogo comune, di luogo comunista. Perciò non vedrò il suo film, convinto che non perderò alcunché di valido.

Iago27

Sab, 04/01/2020 - 13:34

I soldi del biglietto li spenderemo per vedere un film di qualità e non la solita tiritera buonista che già ne abbiamo le tasche piene.

marinaio

Sab, 04/01/2020 - 13:38

In Italia non ci sono più i film e i registi di una volta. Ormai sappiano fare solo film comici tipo cinepanettoni, o film di mafia. Non stupisce quindi che i mediocri film di Zalone abbiano ottenuto i record di incassi.

marinaio

Sab, 04/01/2020 - 13:40

Morion, ma nella tua classifica ci sono anche i tuoi compagnucci di sinistra? Faccelo sapere, moriamo dalla curiosità.

Ritratto di Mary_22

Mary_22

Sab, 04/01/2020 - 14:04

Secondo me Zalone ha fatto una bella furbata. Prima ha "irretito" il pubblico con un trailer filo-salviniano e poi, traghettati al cinema milioni di italiani che pensavano di vedere un film sul genere, gli ha rifilato un film dal messaggio buonista catto-comunista. Vediamo se funziona il passa parola, io sto leggendo che l'affluenza è in calo. Lo spero vivamente perchè questo si chiama "specchietto per le allodole".

Palladino

Sab, 04/01/2020 - 14:37

Un film di una banalità cosmica. Veramente conformista e stupido.

tormalinaner

Sab, 04/01/2020 - 14:47

Zalone vola basso rispetto agli altri film molto più divertenti e dissacranti. Questo è il peggiore film di Zalone.

Totonno58

Sab, 04/01/2020 - 14:55

Non ho capito..quindi, d'ora in poi, prima di andare a cinema dovremmo leggere le recensioni di La Russa?!?

milano1954

Sab, 04/01/2020 - 15:02

Ma questo insuldo filmetto che consacra Zalone nuova icona del buonismo cattocomunista ( e dopo i primi giorni sara' un flop clamoroso) e' prodotto da Mediaset...che strano?

ValdoValdese

Sab, 04/01/2020 - 15:17

Zalone è tipico esponente del più tipico cinema italiano di oggi, cioè un comico men che mediocre per un cinema molto men che mediocre… penoso questo suo accettare di fare un film politico pro-migranti, scelta con cui non si pone certo al disopra di quei sempre più numerosi imprenditori che, chissà con quale promessa di tornaconto, accettano di presentare spots televisivi includenti perlomeno una comparsa di colore...

Michele Calò

Sab, 04/01/2020 - 17:31

Bah! Zalone va bene per uno skech di pochi minuti, non di più. Ho visto un paio di suoi film e mi sono annoiato per le sue prestazioni di guitto banale. La comicità è la parte più difficile della recitazione ed occorre un talento speciale per ottenere una risata sincera edi cuore. Purtroppo il basso livello del pubblico esalta anche scarsi avanspettacolisti come Zalone che se non ricorrono alla volgarità da osteria non suscitano alcuna reazione. Ora, cambiando registro e buttandola in politica viene fuori il limite di Luca Medici, il quale sinora ha solo goduto del pecoreccio italiota in stile pugliese ma senza l'autentica arte di Ciccio e Franco, di Toto', di un Sordi, di un Manfredi,di un Peppino De Filippo, di un Lino Banfi e tanti altri che non dovevano ricorrere alla parolaccia o alla battuta da camionista per riempire le sale cinematografiche e conquistare un posto d'eccellenza nella autentica comicità italiana. Non vedrò il film e mi fido del giudizio di Ignazio La Russa, con cui si può anche non essere politicamente d'accordo ma che ha le basi culturali forti e profonde per poter criticare.

caren

Sab, 04/01/2020 - 17:50

Eg. ValdoValdese, sono d'accordo con lei e come lei non approvo, però tutto si fa, perché oggi è di moda così, altrimenti per l'opinione pubblica sei nessuno.

Ritratto di Lucio Flaiano

Lucio Flaiano

Sab, 04/01/2020 - 18:00

Lucio Flaiano. Tolo Tolo o Bolo Bolo?

Ritratto di Arminius

Arminius

Sab, 04/01/2020 - 18:38

Zalone non mi è mai piaciuto, e dopo che ho visto la scena in cui, ospite della Lega Nord, ha pisciato nell'ampolla dell'acqua del Po, il mio giudizio è di molto peggiorato perché mi ha fatto schifo in qualità di persona miserabile. Se sei contrario ad un movimento, partito o religione li combatti con le idee, non con sceneggiate offensive sui loro simboli! Leggendo poi commenti negativi su di lui e sul suo film stupidamente pubblicizzato anche dalla stampa di destra, mi sto rendendo conto di aver visto lungo.

Ritratto di ErmeteTrismegisto

ErmeteTrismegisto

Sab, 04/01/2020 - 19:08

Ma cosa vi aspettavate ? Il classico esponente della nuova ondata (!) del sedicente cinema italiano (il peggio è Siani) che pensa che basta mettersi dietro una macchina da presa per diventare un regista (ed i vari De Palma, Leone, Coppola , Tarkowsy tanto per citarne alcuni cosa sarebbero ?). È un cialtrone opportunista, tanto opportunista da fare persino credere di essere contro il politically correct...

Ritratto di mavalala

mavalala

Sab, 04/01/2020 - 19:11

Ho visto il film, mentre lo guardavo immaginavo i commenti destrosi dei seguaci verdi, e ho riso.....ho riso tanto...e continuo a ridere leggendo i commenti....

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 04/01/2020 - 19:33

Ma non lo avete ancora capito? Era per far lavorare gli africani. Se l'avesse fatto la Littizzetto avrebbe messo ugualmente come comparse gli africani. Non sanno farne a meno, solo per far arrabbiare quelli di dx.

Ritratto di DVX70

DVX70

Sab, 04/01/2020 - 19:35

Per comprendere che fosse una boiata terzomondista e immigrazionista non c'era certo bisogno che ce lo dicesse La Russa.

Ritratto di dlux

dlux

Sab, 04/01/2020 - 20:34

Caro Ignazio, la verità è che in Italia non esiste la verità ma la narrazione tutta di sinistra, tutta buonista, tutta radical-chic, di una realtà che ogni giorno ci sbatte nel muso la sua verità. E tanto non bastano le batoste elettorali, i sondaggi che li danno perdenti, in ritirata, no, non bastano,... vale la vecchia, vecchissima composizione del parlamento. Non vecchia come età ma superata da una realtà che stenta a chiedere visibilità, complice il custode della costituzione...

Ritratto di ErmeteTrismegisto

ErmeteTrismegisto

Sab, 04/01/2020 - 20:41

.....Ridi ridi che Zalone ha fatto non i gnocchi ma tanti soldi...sugli idioti che pagano pure per vedere ste boiate..

Ritratto di ErmeteTrismegisto

ErmeteTrismegisto

Sab, 04/01/2020 - 20:55

Non è che ci volesse tanto per capire il personaggio ( e purtroppo molti ci sono cascati sperando di trovare il comico di destra) È il classico parac..o che riesce a fare soldi (in questo si intelligente) sulla dabenaggine Italiota (tra radical-chic che lo incensano per far dimenticare il loro passato o solo per sopraggiunta idiozia e una destra che non capisce che non è con i cinepanettoni (una volta) o con il sedicente comico pseudo scorretto ma in realtà allineatissimo che ci si può ritagliare uno spazio.

ST6

Sab, 04/01/2020 - 21:31

La Russa, un altro indispensabile assente nullafacente della politica italiana che mangia sulle spalle dei cittadini.

Nick2

Sab, 04/01/2020 - 23:31

Sicuramente lei non ha pagato il biglietto. Quindi non vedo per quale motivo dovrebbe essere rimborsato.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Dom, 05/01/2020 - 00:52

Ignazio, molto meglio non andare al cinema e vederselo tra un paio di anni su Mediaset, magari con l'età il film migliora. Comunque che ti aspettavi ? Un film scorretto politicamente da Zalone ? Ma hai visto quelli precedenti ?

Ritratto di Loudness

Loudness

Dom, 05/01/2020 - 01:19

La stessa minestra (l'immigrazione) presentata a colazione, pranzo, cena di continuo, come un'ossessione... finisce col disgustare anche coloro a cui piaceva la minestra...

Gattagrigia

Dom, 05/01/2020 - 05:27

Non ho visto il film. Però qualcuno ha scritto che Zalone per far ridere si avvale di battutacce e parolacce, insomma di un linguaggio da bar. È un comico, lo può anche fare. Pensare che molti invece danno il loro voto a chi usa lo stesso sistema in politica è tragico. Questo tipo di linguaggio usato dai politici sembra invece suscitare un grande interesse e consenso. Chi è di basso livello culturale, chi va a vedere il film di Zalone o chi vota?

Ritratto di thunder

thunder

Dom, 05/01/2020 - 06:23

Accidenti! ma allora vanno sul serio a vedere i film di Zalone. Povera Italia,Zalone sardine,leu,popolo di molluschi in cerca del reddito di cittadinanza.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 05/01/2020 - 19:36

Cric e Croc, detto pure Stanlio ed Ollio. Gli unici che facevano ridere senza parolacce e senza offendere nessuno. Gli unici no, c'erano i fratelli Marx, Gianni e Pinotto, stessa forza dei primi e che dire di Bop Op. Adesso è solo una vergogna.

Ritratto di pumpernickel

pumpernickel

Dom, 05/01/2020 - 23:33

Se ne parla da un mese e ho voluto vederlo. Mi aspettavo il Checco caustico e dissacrante a cui ci aveva abituati. Nulla di tutto ciò. Un patchwork di situazioni incollate senza costrutto e appiattite sul più squallido conformismo. Bravo Checco che astutamente ha saputo trarci in ingannao e farci credere di aver fatto altro.