Wanda Nara punge la Caracciolo e la Marcialis: "Io e Gaia Venturini le uniche donne di Tiki Taka"

Riguardo il gossip sul presunto rapporto difficile tra Wanda Nara, Costanza Caracciolo e Carolina Marcialis a Tiki Taka, l'argentina ha risposto con una frecciatina alle mogli di Vieri e Cassano

Il gelo tra le donne protagoniste di Tiki Taka è solo gossip o c’è del vero? È Wanda Nara a rispondere alla domanda di Valerio Staffelli che, dopo averla raggiunta per consegnarle il Tapiro d’oro di Striscia la notizia, non ha perso occasione per indagare sui reali rapporti tra lei, Costanza Caracciolo e Carolina Marcialis.

Secondo quanto rivelato qualche giorno fa dal settimanale Chi, dietro le quinte di Tiki Taka si respirerebbe un’aria tesa: sarebbero soprattutto le figure femminili del programma di approfondimento calcistico a non andare d’accordo e, in particolar modo, si dice che siano la Caracciolo, la Marcialis e la compagna di Pierluigi Pardo a non rivolgere la parola alla moglie di Mauro Icardi.

Così, raggiunta dai microfoni del tg satirico di Canale 5, Wanda Nara ha soddisfatto le curiosità di Valerio Staffelli. “Come vanno i rapporti con le sue colleghe?”, ha domandato ironico l’inviato di Striscia, facendo riferimento ai rumors sul presunto astio tra loro. “Super bene”, ha replicato l’argentina, che ha chiesto l’intervento di Giorgia Venturini per smentire il gossip. “Non è vero, lei è mia sorella. Andiamo d’accordissimo, guai a chi me la tocca!”, ha fatto sapere la new entry nel cast di Tiki Taka.

Alla domanda di Staffelli sulle altre due presenze femminili di Tiki Taka, però, Wanda Nara non ha perso occasione per lanciare una stoccata che confermerebbe il gossip: “Siamo solo due, io non ho visto altre donne. Le uniche donne di Tiki Taka siamo io e Gaia. Dopo c’è Vieri e c’è Cassano. Poi, c’è la famiglia che accompagna...”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.