"Juve fuori per regola dei gol...". E Boniek ora scatena la bufera

Il numero uno della Federcalcio polacca è andato in difesa della Juventus: "Perché è stata eliminata dalla Champions League? Solo perché c’è ancora la regola dei gol in trasferta. Non è ora di cambiarla?"

"Juve fuori per regola dei gol...". E Boniek ora scatena la bufera

La Juventus di Andrea Pirlo è stata eliminata dalla Champions League per mano del Porto di Sergio Conceincao che ha fatto valere alla grande i due gol realizzati in trasferta. A parità di gol realizzati dalle due squadre tra andata e ritorno, infatti, sono stati i lusitani a passare il turno. Le critiche alla dirigenza, ai calciatori, ad Andrea Pirlo e a CR7 in particolare si stanno sprecando in queste ore ma c'è chi ha dato la sua interpretazione sull'eliminazione dei bianconeri dalla Champions League: ovvero Zibi Boniek.

Il tweet della discordia

"Perché la Juventus è stata eliminata dalla Champions League contro il Porto? Aspetti puramente sportivi a parte, ha perso solo perché c’è ancora la regola dei gol in trasferta. Non è ora di cambiarla?", questo il tweet dell'ex calciatore polacco di Roma e Juventus attualmente presidente della Federcalcio polacca.

Ovviamente il tweet di Boniek ha sollevato un polverone sui social con pareri discordanti. C'è chi è dalla parte dell'ex calciatore polacco: "Boniek ha ragione. Se ne parla da anni. È una regola anacronistica che danneggia il gioco stesso del calcio. Troppi calcoli da parte delle società e dei giocatori stessi …va a ledere la libertà dei giocatori nel ricercare sempre e comunque la vittoria. Regola da eliminare", oppure: "Almeno nei supplementari andrebbe tolta, visto che i supplementari si possono giocare solo in una delle due partire, favorendo la squadra in trasferta".

C'è chi è andato però contro Boniek dato che questa regola c'è ormai da tanti anni nelle coppe europee e non solo e vale per tutte le squadre: "Le regole sono quelle e vanno rispettate sempre. Quando conviene e quando non conviene. Una Juve appena decente avrebbe eliminato il porto. No cerchiamo il capro espiatorio in regole ed arbitri. Lo fanno gli altri. Vero Boniek, grande campione della mia Juve anni 80?”.

Qualcuno ha poi fatto notare a Boniek come il Porto abbia meritato tra andata e ritorno vista la differenza tra le due squadre e per la mole di occasioni prodotte nelle due sfide. Anche questa volta il presidente della Federcalcio polacca è andato in difesa della Juventus: "La verità è che la Juventus avrebbe potuto segnare 3-4 goal in più. Grandi parate, Chiesa che prende il palo, Cuadrado la traversa...".

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

Commenti

Grazie per il tuo commento