Cabrini choc: "Se Maradona avesse giocato alla Juve..."

L'ex difensore della Juventus e della nazionale italiana ha rilasciato alcune dichiarazioni che faranno sicuramente discutere su Diego Armando Maradona

Diego Armando Maradona è venuto a mancare da due giorni e tantissimi esponenti del mondo del pallone hanno voluto dire la loro sulla scomparsa del più grande giocatore della storia del calcio, a detta di molti addetti ai lavori e non solo. Tra di loro anche Antonio Cabrini che ha battagliato per anni contro il Napoli del Diez. L'ex difensore della Juventus e della nazionale, però, ha rilasciato alcune dichiarazioni che faranno di certo discutere.

Parole pesanti

Antonio Cabrini ai microfoni di Irpinia Tv ha sentenziato:"Maradona sarebbe ancora vivo se avesse giocato nella Juve e non nel Napoli", il siluro sganciato dal 63enne di Cremona, campione del mondo con l'Italia nel 1982 e pilastro della Juventus per 13 anni dal 1976 al 1989. "Una leggenda vivente e un avversario gentiluomo che come tanti altri fuoriclasse ha saputo dare nello stesso tempo il meglio e il peggio. Sarebbe ancora qui con noi se fosse venuto alla Juve perché l'ambiente lo avrebbe salvato, non la società ma proprio l'ambiente. L'amore di Napoli è stato tanto forte e autentico quanto, ribadisco, malato", il commento dell'ex giocatore di Atalanta, Cremonese e Bologna che ha poi continuato: "Maradona in campo avrebbe potuto vincere una partita da solo e in un altro ambiente avrebbe potuto vincere anche quella della sua vita terminata troppo presto".

La rivelazione choc

L'amico e suo manager Stefano Ceci si è sfogato ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli: "Diego si è lasciato morie", inizia così l'intervento choc del suo amico. "Oggi si punta il dito su ciò che si sarebbe potuto fare. Ma è un concetto che va esteso alla sua vita intera. Diego è sempre stato solo: hanno pensato solo a Maradona. Diego era stanco, si è lasciato morire. Non voleva più vivere. Diego ha smesso di essere Diego quando ha compiuto 15 anni: da quando è diventato Maradona, è rimasto da solo. Io vissuto 20 anni al fianco a Diego. Ho conosciuto il Maradona persona, il campione, il mito difficilissimo da gestire. Diego era una persona fragile e umile. Diego persona era l’opposto del Diego calciatore. Io me lo son goduto, quindi porto dentro di me tanti e tanti ricordi. Poche persone hanno veramente goduto il Diego persona".

Ceci ha poi fatto un bilancio della vita di Maradona negli ultimi difficilissimi mesi: "Diego era davvero stanco. Vedevo che qualcosa non andava più come prima. Fino a due anni fa, a Dubai giocava a calcio e a padel una volta a settimana con gente di 15-20 anni in meno di lui. Era attivo a livello fisico. Ha visto che stava perdendo anche l'amore di Rocio: anche per questo poi si è lasciato andare fisicamente e mentalmente. Il caos familiare girava intorno a Diego, che non ha mai avuto pace totale. Anche da morto, adesso, continueranno ad accapigliarsi. Almeno adesso Diego sta con le persone che amava di più: la mamma e il papà. Adesso, Diego è in pace".

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

dagoleo

Ven, 27/11/2020 - 16:59

i napoletani si arrabbieranno ma ha ragione. l'ambiente della juventus l'avrebbe aiutato e controlalto non sarebbe finito nella droga ed in mano ai camorristi

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 27/11/2020 - 17:15

dagoleo tu che sei di sotto il garigliano, astieniti! parla della reggina, del bari, del palermo; qua stiamo parlando di altro!

sullarivadelfiume

Ven, 27/11/2020 - 17:41

Ma certo, quella nuvola se non è un cammello è senz'altro una donnola o una balena. Del resto se io avessi due ruote sarei una carriola, se avessi tre palle sarei senz'altro un flipper. Via Cabrini, sei un grande, non perdere tempo con queste stupidaggini, se no ti riduci al livello di quelli che "se al governo col covid ci fosse stata la Lega..."

roberto zanella

Ven, 27/11/2020 - 18:05

E' totalmente vero, qualsiasi squadra del Nord, lontana da Napoli e dalla Camorra. Il ragazzo non era intelligente e lo hanno messo in mezzo. Cabrini ha detto una cosa giusta ma qualsiasi altro campione avrebbe detto o pensato la stessa cosa ed è quello che la gente di buonsenso dice.

Ritratto di bracco

bracco

Ven, 27/11/2020 - 18:09

Parole pesanti di che, sono la verità, droga, festini per non parlare dell'evasione fiscale. Cabrini ha ragione

Tizzy

Ven, 27/11/2020 - 18:40

Oramai i se ed i ma non hanno più senso, come non li hanno mai avuti..Non amando il calcio e vedendo e sentendo tutto questo "calore" nei confronti di una persona, ho voluto saperne di più....Mi sono "sorbita" ad un certo punto anche con piacere, la storia della sua vita....Scoprendo poi una bella persona.... Secondo me solo il Napoli ed i Napoletani potevano tirare fuori il Maradona vincente..Assomigliando molto alle realtà dell'Argentina.. Quando poi sei fragile non dipende dalla squadra o dalla regione. Lui stesso si rendeva conto di non avere la forza per uscire dalle dipendenze...Anche ammetterle, senza purtroppo riuscire a combatterle fino in fondo, ne fa comunque una "debole" bella PERSONA..Maradona CALCIATORE invece resta una forza IMMORTALE...

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Ven, 27/11/2020 - 18:44

^(*@*)^ LA CABRINATA Sarà vera o non sarà vera sarà probabile o sarà improbabile ?! una cosa è certa però , si scivola molto di più sul ghiaccio che sull’asfalto.

CAPOFERRI50

Ven, 27/11/2020 - 18:51

ha detto semplicemente la verita' , solo gli sciocchi o i cacciatori di romanzi dicono il contrario.....

Savoiardo

Ven, 27/11/2020 - 18:52

Panem et circenes.C'est la vie.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Ven, 27/11/2020 - 19:08

^(*@*)^ Panem et circenses et anticiuum documentuum canta il merluum nel frumentiamo

sorgetorix

Ven, 27/11/2020 - 19:11

Cabrini la droga e la malavita non esiste solo a Napoli dovresti riflettere sulle tue affermazioni. Maradona si è sempre schierato per i più deboli tu e lui siete molto distanti sia come calciatori che come persone

Ritratto di airone_90

airone_90

Ven, 27/11/2020 - 19:49

Ha detto la verità, aveva bisogno di una società seria e si una guida per uscire dal tunnel della dipendenza.

cgf

Ven, 27/11/2020 - 19:55

@giovinap Ven, 27/11/2020 - 17:15 Tante volte ti ammiro, ma questa volta ha ragione lui, è proprio di quello che si parla perché in una squadra come quella precedente, il Barcellona (tipo Juve), non c'erano stati "quei" pericoli