Carolina Morace: "Amo una donna e voglio un figlio da lei"

Carolina Morace ha svelato come si sia già sposata due volte con la compagna Nicola Jane Williams: "Nel calcio c'è troppa omofobia. Il coming out? L'ho fatto per le giovani"

Carolina Morace, grandissima calciatrice italiana negli anni ottanta e novanta, ha deciso di fare coming out all'età di 56 anni:
"L’ho fatto naturalmente per le ragazze più giovani, ma l’ho fatto anche per molte mie amiche quarantenni o cinquantenni che ancora non trovano il coraggio di raccontarsi", inizia così il racconto dell'ex centravanti della Lazio in un'intervista al Corriere della Sera che anticipa proprio il suo libro-confessione "Fuori dagli schemi" in uscita il 13 ottobre e scritto a quattro mani con la giornalista di Sky Alessia Tarquinio.

Un passo importante

L'ex allenatrice del Milan femminile ha poi confermato come il mondo del calcio, soprattutto quello maschile, sia pieno di pregiudizi e di silenzi assordanti da parte di diversi giocatori che non hanno il coraggio di fare coming out: "Il mondo del calcio è pieno di pregiudizi e di omofobia. Non biasimo chi non fa coming out. Per molti uomini il non farlo è una forma di protezione. Credo che sia giusto farlo quando si è pronti, quando si è sicuri di poter togliere la maschera e non rimetterla più".

L'amore della sua vita

Carolina Morace è legata ad un'altra ex grande calciatrice, l'australiana Nicola Jane Williams. Le due si sono conosciute a Tokyo ad un evento organizzato dalla Fifa e da quel momento non si sono più lasciate. "Il suo nome si legge Nìcola, non potevo saperlo. La chiamai con il secondo nome, Jane, mi sembrava più “da donna”, e lei, guardandomi intensamente, mi disse: “Perché mi chiami Jane?”", il racconto divertito dell'ex attaccante capace di realizzare oltre 550 gol in carriera tra squadre di club e nazionale italiana di cui è la detentrice del record.

La Morace ha poi raccontato quanto sia stata importante la moglie per fare questo grande passo:"Quanto è stata importante Jane in questo passo? Moltissimo. Lei ha ricevuto un’educazione diversa: in Australia, come in molti altri Paesi del mondo, il fatto che due persone dello stesso sesso si amino non interessa a nessuno. Lei stessa, nei primi tempi della nostra storia, quando veniva in Italia, si meravigliava del peso che diamo a queste scelte. E solo con lei sono riuscita a essere vera, senza maschere. Adesso non mi nascondo più".

La proposta e il pensiero del padre

Carolina e Nicola stanno insieme ormai da diversi anni con l'ex ct della nazionale di Trinidad e Tobago che ha svelato:"La proposta gliel’ho fatta nel giorno del mio quarantottesimo compleanno. Avevo comprato gli anelli, avevo ripassato per ore la frase “vuoi sposarmi?”. Sono una donna tradizionale, sì, anche in questo caso sono rimasta me stessa. E credere che prima nella mia vita non avevo mai pensato al matrimonio. Ci siamo sposate una prima volta a Bristol, sul piroscafo SS Great Britain e poi in Australia". La 56enne veneziana ha poi svelato la posizione del padre in merito a questa cosa: "Un giorno gli dissi: “Papà, mi sposo”. E lui: “Bene!” “Sì, ma non con un uomo”. “Va bene! Basta che tu sia felice".

La voglia di un figlio

L'ex allenatrice del Milan ha infine toccato un altro tema delicato per le coppie omosessuali, la volontà di avere un figlio: "Se desideriamo avere un figlio? Sì, lo desideriamo. Lei ha già una figlia ed è una bravissima madre, mi commuovo nel vederla parlare così intensamente con la sua bambina, il tempo che le dedica e il modo con cui sta seguendo la sua crescita. Non sarà facile per noi, specie in questo periodo in cui spostarsi per il mondo è complicato a causa della pandemia. So già che dovremo avere pazienza, sia per questo che per tutte le difficoltà che incontreremo".

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Popi46

Dom, 11/10/2020 - 12:30

Che costei ami una donna non mi fa né caldo né freddo, che voglia avere un figlio da lei....., beh, mi spiace, ma dovrebbe scendere a patti con Madre Natura. Auguri.

necken

Dom, 11/10/2020 - 13:34

in questi casi la donna ha diverse opzioni per avere un figlio dal trapianto di ovulo fedondato, inseminazione via banca del seme.... mentre 2 uomini devono dipendere comunque da una donna che gli farebbe questo grande favore

Ritratto di pipporm

pipporm

Dom, 11/10/2020 - 14:07

Diciamo la verità, il coming out l'ha fatto per il lancio del libro. Qualora fosse stato per la causa, sia per calciatori maschi che per calciatrici femmine, poteva farlo prima. Cmq ben accetto. E' un rispetto sopratutto per se stessi chi fa coming out

ilbelga

Dom, 11/10/2020 - 15:12

pipporm: concordo con Lei.

Ritratto di marioilgiornale

marioilgiornale

Lun, 12/10/2020 - 10:49

Va beh! allora dai! Coraggio mettetecela tutta !!!! ma che ci metti? Boh! siamo alla frutta !

Ritratto di marioilgiornale

marioilgiornale

Lun, 12/10/2020 - 10:51

" Voglio un figlio da lei" ..... ma che cz. dici?????? Dì semplicemente " Voglio un figlio" e basta, no?

Ritratto di tomari

tomari

Lun, 12/10/2020 - 11:51

Qualcuno spieghi a questa "signora" come si fanno i figli! Fra l'altro, il metodo è mooolto piacevole.

ruggerobarretti

Lun, 12/10/2020 - 12:15

Goditi la tua vita e rispetta le leggi della natura.

Luigi Farinelli

Lun, 12/10/2020 - 15:00

Aguri e figli in provetta! Immagino siano state fans di Mr. Hyde Umberto Veronesi (molto diverso dal dott. Jekyll Umberto Veronesi, che forse avrebbe meritato un Nobel per la Medicina). Celebre la frase di Mr. Hyde Umberto Veronesi (accanto a molte altre sullo stesso stile): "Beate le donne che in futuro potranno riprodursi da sole mentre l'uomo, se vorrà una vagina, dovrà comprarsela!" Pessimo profeta: le sue scintillanti macchine da riproduzione hanno reso pure la donna inutile nella natalità del futuro, tutto "salute riproduttiva" e "nuovi diritti"! In un prossimo domani quindi, un figlio potrà essere acquistato in mercati appositi, rigorosamente garanti che il papà o la mamma non saranno mai rivelati. Quando i media si decideranno a divulgare i dati dei figli in provetta che OGGI VOGLIONO conoscere padre/madre naturali e vivono in condizioni angosciose perchè i propri "genitori" omosex hanno pensato solo a soddisfare il proprio egoismo antinatura?

Luigi Farinelli

Lun, 12/10/2020 - 15:05

@ necken 13:34: E' sempre la donna che deve dipendere dal seme se vuole essere fecondata, come sempre e dappertutto in natura. La vita si origina dal seme, lo voglia o no l'ideologia femminista.

99maurizio99

Lun, 12/10/2020 - 15:56

Speriamo che con il figlio finisca di presentarsi in televisione a commentare il calcio. Le sue analisi su questo sport , sono da bambino di 5 anni.

Ritratto di giovinap

giovinap

Mar, 13/10/2020 - 10:41

questo è un amore eterno che durerà almeno tre mesi!... un consiglio: compratevi un cagnolino!