Il dramma di Pelè, il figlio: ''Papà è depresso e non esce più di casa''

In un'intervista Edinho svela lo stato di salute del padre: ''Non esce più di casa, è depresso perchè non può più camminare normalmente''

Il dramma di Pelè, il figlio: ''Papà è depresso e non esce più di casa''

"Papà è in imbarazzo, non vuole uscire in strada, farsi vedere, praticamente non lascia mai la casa" fa sapere Edinho, il figlio di Pelè, alla stampa brasiliana.

Una notizia che scuote il mondo del calcio. Edson Arantes do Nascimento, da tutti conosciuto come Pelé, è depresso e non esce più di casa. Dall'ultima apparizione pubblica con il ricovero improvviso nell'aprile scorso durante un evento pubblicitario a Parigi insieme a Kylian Mbappé, le condizioni di O'Rey non sembrano affatto migliorare. Allora furono spasmi muscolari e febbre a consigliarne il ricovero immediato ma gli ultimi aggiornamenti sulle sue condizioni continuano a destare preoccupazione. A svelarne le ragioni è il figlio Edinho in un'intervista al portale brasiliano GloboEsporte.com. A quanto pare la perla nera non esce più di casa e sta sfiorando la depressione per il problema di deambulazione che non gli permette più di camminare.

L'ex portiere del Santos ha parlato così dello stato di salute di suo padre, 79 anni, rivelando un Pelé depresso: "È in imbarazzo, non vuole uscire in strada, farsi vedere, praticamente non lascia mai la casa". Problemi di mobilità dovuti al lungo calvario vissuto da O'Rey, l'ultima volta sotto i ferri nel gennaio 2016 a New York per lo spostamento della protesi all’anca impiantata nel 2012. "Ha questo problema di mobilità, che finisce per provocare una certa depressione -ha aggiunto Edinho- Lui è sempre stato una figura così imponente, e oggi non può più camminare correttamente. Ma va bene, a parte questo e i problemi dovuti all'età. Non può camminare normalmente, ma solo con il girello. È persino migliorato un pò rispetto all'uscita più recente (quando è apparso su una sedia a rotelle, ndr), ma ha ancora molte difficoltà a camminare. Per questo motivo, ha perso la voglia di uscire di casa".

Pelè, che il 23 ottobre compirà 80 anni, è stato insignito del premio di Calciatore del secolo dalla Fifa ed è l’unico ad aver vinto tre Mondiali: Svezia '58, Cile '62 e Messico '70. Nella sua carriera ha realizzato in totale 1281 reti in 1363 incontri, mentre nelle 821 partite ufficiali che ha disputato ha fatto 761 gol, i numeri unici di uno dei più grandi calciatori di ogni epoca. Ma a quanto pare il tempo passa per tutti, anche per Pelè.

Segui già la nuova pagina Sport de IlGiornale.it?