Europa League, l'Inter batte 2-1 il Ludogorets nel deserto del Meazza

Le reti di Biraghi e Lukaku hanno permesso all'Inter di rimontare l'iniziale vantaggio del Ludogorets siglato da Souza. Clima surreale al Meazza orfano di pubblico. Domani i nerazzurri conosceranno il loro avversario negli ottavi di finale

Europa League, l'Inter batte 2-1 il Ludogorets nel deserto del Meazza

L'Inter di Antonio Conte in un Meazza deserto vince in rimonta per 2-1 contro il Ludogorets, nel ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League, grazie ai gol di Cristiano Biraghi e Romelu Lukaku e stacca così il pass per il turno successivo dell'Europa League. Senza lo squalificato Lautaro Martinez e senza pubblico per via delle restrizioni dell'Uefa per via del coronavirus i nerazzurri hanno giocato una partita discreta in un clima surreale. La squadra di Antonio Conte non ha tremato nemmeno davanti al vantaggio bulgaro siglato da Oliveira Souza e ha ribaltato il match grazie a Biraghi e di Lukaku, con un gol un po' fortunoso ma che porta il belga a quota 23 in stagione e con ancora tante partite da giocare. Domani l'urna di Nyon dirà quale sarà l'avversario dei nerazzurri negli ottavi di finale e poi testa a Juventus-Inter che si disputerà a porte chiuse all'Allianz Stadium con la Lega Serie A che ha ufficializzato proprio in serata che si giocherà senza pubblico.

Nelle altre partite dell 21 si qualificano gli spagnoli del Getafe che fa fuori l'Ajax, l'Olympiakos che ha eliminato a sorpresa l'Arsenal, gli ucraini dello Shakhtar Donetsk che hanno eliminato il Benfica, i danesi del Copenaghen che hanno fatto lo scalpo al Celtic Glasgow, il Manchester United che ha eliminato il Brugge e gli spagnoli del Siviglia che hanno eliminato con il brivido i rumeni del Cluj

La cronaca

Nel primo tempo Lukaku se ne va via in campo aperto al 5' e poi colpisce con il destro: Iliev respinge il tiro del belga. I nerazzurri hanno sempre il pallino del gioco e al 21' Eriksen ci prova con un bel tiro da fuori area che viene deviato in angolo da un difensore belga. Sanchez chiama alla parata Iliev con un bel tiro da dentro l'area respinto ottimamente dal portiere del Ludogorets. I bulgari passano in vantaggio a sorpresa al 22' con Cauly Souza che vince il contrasto con Godin e insacca alle spalle di Padelli.

Al 28' Moses cade in area di rigore con l'arbitro che dopo aver consultato il Var conferma la sua scelta di non assegnare il rigore. In pieno recupero l'Inter passa in vantaggio con Lukaku che segna un gol un po' fortunoso con un gol di testa in caduta dopo la respinta dei portiere che inavvertitamente la rinvia sul capo del belga che da tergo la mette dentro in maniera involontaria.

Nella ripresa Sanchez la stampa sulla traversa al 52' con un siluro da fuori area e tre minuti dopo Moses la crossa da destra di prima intenzione con Lukaku che non ci arriva di un soffio. Lukaku ci prova al 58' ma il suo tentativo viene ben controllato da Iliev. Al 67' Świerczok ci prova con un tiro di punta: para bene Padelli. Negli ultimi 20 minuti l'Inter contiene l'avversario e porta a termine così l'incontro: finisce 2-1 per i nerazzurri.

Il tabellino

Inter: Padelli; D’Ambrosio (76' Bastoni), Ranocchia, Godin; Moses, Barella (46' Brozovic), Borja Valero, Eriksen, Biraghi; Lukaku (62' Esposito), Sanchez.

Ludogorets: Iliev; Cicinho Terziev, Grigore, Nedyalkov; Marcelinho (83' Biton), Dyakov, Badji; Wanderson (70' Tchibota), Keseru, Cauly Souza.

Reti: 22' Cauly Souza (L), 31' Biraghi (I), 45+3 Lukaku (I)

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?