Follia Psg, festa grande squadra-tifosi nonostante il Coronavirus

Festa grande a Parigi nonostante le misure che via via si stanno adottando in tutto il mondo per contrastare la diffusione del Coronavirus

Una gioia incontenibile per le strade di Parigi dopo la grande impresa contro il Borussia Dortmund, a fine partita i giocatori del Psg e i tifosi si sono ritrovati fuori allo stadio per festeggiare il passaggio del turno nonostante i divieti per il Coronavirus.

Con la vittoria casalinga per 2-0 sui tedeschi del Dortmund, il Paris Saint-Germain ha raggiunto i quarti di finale di Champions League. Esame superato dunque per gli uomini di Tuchel, che grazie ai gol di Neymar e Bernat ribaltano la sconfitta dell'andata, rilanciando il proprio ruolo di autorevole candidata alla vittoria finale della competizione.

E' stata una notte di vera follia, quella vissuta ieri a Parigi tra i silenzi di un malinconico Parco dei Principi vuoto e lo strepido assordante dei tanti tifosi fuori dallo stadio della capitale francese. Circa tremila supporters, dopo aver seguito il pullman della squadra prima che entrasse allo stadio, si erano radunati fuori all'impianto per sostenere lo stesso la squadra. Un tifo infernale che ha spinto Neymar e compagni alla rimonta, scandita dai fuochi artificiali, che si sentivano dall'esterno. Ma la notte di follia non finiva certo qui. A fine partita tifosi e giocatori si davano appuntamento al di fuori dello stadio per festeggiare, contravvenendo alle norme di sicurezza anti Covid-19. Le raccomandazioni delle autorità avevano di fatto indicato disposizioni contrarie a qualsiasi tipo di assembramento con la misura di prevenzione di giocare a porte chiuse.

Nonostante ciò il dopo partita prendeva una direzione opposta, del tutto illogica. Tantissime le immagini delle piazze e delle strade limitrofe al Parco dei Principi, prese d’assalto dagli ultrà con fumogeni e manifestazioni di gioia. E a fine partita anche i giocatori partecipavano alla festa, in maniera del tutto incontrollata. Subito virale è diventato il caso di Layvin Kurzawa. Il difensore in campo negli ultimi dieci minuti del match, è uscito all’esterno dello stadio, ancora con la maglia da gioco addosso, per festeggiare con i propri fan, tra abbracci, baci e gli immancabili selfie. Il tutto proprio mentre ieri i contagi in Francia sono aumentati di mezzo migliaio rispetto al giorno prima, seguendo una curva simile a quella italiana. Ma a dispetto dei numeri l'esecutivo di Emmanuel Macron continua a gestire la crisi con provvedimenti locali, senza dar peso alle manifestazioni di massa che vanno in scena nel cuore della capitale.

Segui già la nuova pagina Sport de IlGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Gianca59

Ven, 13/03/2020 - 11:40

Festeggiamenti demenziali.