Fucilata di Sagan. Capolavoro iridato

Lo slovacco vince da "isolato" Viviani ci prova troppo presto. La squadra italiana si scioglie

Incomincia da dove molti finiscono. Peter Sagan, il folletto slovacco fino a ieri non aveva vinto una grande classica che sia una. Ci era arrivato molto vicino in più di un'occasione, ma ieri sulle strade di Richmond, l'estroso corridore slovacco ha conquistato quella maglia iridata che lo ripaga di tanti piazzamenti illustri.

Una maglia iridata per un collezionista di maglie. Per un ragazzo di soli 25 anni, che ha già vinto parecchio e nella sua personale collezione figurano già quattro maglie verdi consecutive della classifica a punti al Tour de France. È vero, non ha vinto la Sanremo (una volta secondo e due volte quarto), nemmeno il Fiandre (un secondo, un quarto e un quinto) e nemmeno la Roubaix (un sesto posto), ma ieri ha colmato questo vuoto andando a vincere il titolo iridato usando gambe e testa. Praticamente senza squadra, nascosto e invisibile per tutta la corsa, Sagan si è fatto vedere solo per lo show finale. Fa il vuoto in salita e completa l'opera con una discesa da autentico equilibrista delle due ruote.

Chi invece chiude a mani vuote è la nostra "giovine" Italia, che porta a casa un modesto 18° posto con Giacomo Nizzolo. «Siamo giovani e dobbiamo crescere - spiega Matteo Trentin a caldo -. Abbiamo corso molto bene, forse abbiamo solo commesso l'errore di giocarci la carta Viviani troppo presto. Ma questi sono errori di gioventù. Lasciateci crescere».

La sfida iridata ha un copione consolidato: fuga da lontano di otto corridori con il coreano Parl Sung Baek e altri sette audaci. La corsa fila via veloce, ad oltre quaranta chilometri all'ora. A sei giri dalla conclusione la prima vera accelerazione, con i belgi a forzare il ritmo e i tempi sul tratto in pavé: il gruppo si spezza, nel gruppetto di testa resta solo un italiano: è Vincenzo Nibali. Nel frattempo, in questa fase di corsa molto concitata cade Daniel Oss. Il trentino finisce contro una transenna posizionata davvero molto male e si procura un taglio profondo al ginocchio destro che lo costringe al ritiro: fuori uno.

Ad una trentina di chilometri dal traguardo, si rimescolano nuovamente le carte: vengono ripresi Siutsou (Bielorussia), Boivin (Canada) e Phinney (Usa) e grazie al forcing della Gran Bretagna sul Libby Hill, si forma un gruppetto di sette corridori con il nostro Elia Viviani lesto a non perdere il treno con un colpo a sorpresa. L'uomo che Davide Cassani aveva pensato di poter giocare nel finale, ecco che esce allo scoperto a due giri dalla fine e come un falco entra in un gruppetto di assoluto peso composto da Stannard (Gran Bretagna), Mollema (Olanda), Amador (Costa Rica), Boonen (Belgio), Moreno (Spagna) e il campione uscente Michal Kwiatkowski (Polonia).

La mossa degli azzurri è un po' azzardata, perlomeno audace e spiazzante. Si prova con una mossa a sorpresa, poi i sogni e le speranze di gloria svaniscono e Peter Sagan, il folletto slovacco, salta sul gradino più alto del podio. Il mondo è finalmente suo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Giano

Giano

Lun, 28/09/2015 - 09:28

Proprio ieri, commentando un articolo su Nibali, facevo notare l'inopportuno uso di termini inappropriati, come "rasoiata". Ed ecco oggi la conferma con un titolone sulla "Fucilata" di Sagan: correva in bici o andava a caccia? E' proprio necessario usare questi termini da trincea, da cecchini sul tetto o da agguato mafioso con la lupara? Non si può dire semplicemente che ha vinto? Non vi viene mai il sospetto che usare un linguaggio che evoca immagini forti e violente possa denotare una carica di aggressività repressa (e la cosa dovrebbe preoccuparvi) e che questo linguaggio da bollettino di guerra possa influenzare i lettori e contribuire ad accrescere la già pericolosa carica di aggressività presente in persone dall'instabile equilibrio mentale? Mai dubbi del genere? Al posto vostro non sarei così sicuro e tranquillo.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Lun, 28/09/2015 - 10:05

È stata una vera cannonata di fucilata, il bravo atleta ha centrato l'obiettivo come e meglio di un cecchino,di un'artiglire che colpisce da kilometri o di un samurai che divide un capello con la katana.