Ibrahimovic, brutto infortunio in allenamento: si teme un lungo stop

Ibra si è fatto male in allenamento. Si teme per il tendine d'Achille, domani il risultato degli esami strumentali

Zlatan Ibrahimovic si ferma e probabilmente sarà costretto a farlo per lungo tempo, l'attaccante del Milan si è infortunato nel corso dell’allenamento odierno della squadra rossonera: si teme il coinvolgimento del tendine d’Achille.

Grande apprensione in casa rossonera. In attesa di capire quando inizierà il campionato, gli uomini di Stefano Pioli hanno ripreso gli allenamenti di gruppo. A conclusione della seduta di oggi, i rossoneri hanno giocato una partitella nel corso della quale è stato costretto a fermarsi Zlatan Ibrahimovic. Secondo quanto riferito da SkySport l'attaccante è stato servito con un lancio e nello scatto ha sentito una forte fitta al polpaccio. Poi è rimasto a terra dolorante ed è stato trasportato negli spogliatoi con la macchinina e, dopo la doccia, è uscito zoppicando vistosamente. Si teme addirittura che sia coinvolto anche il tendine d'Achille, pericolo che il Milan spera di scongiurare presto.

Si era già fermato per un problema muscolare in quella zona tra gennaio e febbraio, ma riuscì a gestirlo bene e rientrare in tempo. Questa volta, però, l'infortunio sembra ben più grave. Il campione svedese sarà sottoposto immediatamente a degli esami, per capire l'esatta entità dell'infortunio. E se le prime previsioni saranno confermate potrebbe rimanere ai box per 30-45 giorni, se verrà conclamato solo il problema muscolare. Ma tra il forte dolore nella zona del gemello e il timore del coinvolgimento del tendine d'Achille, c'è il serio rischio che l'attaccante rossonero sia costretto a uno stop anche abbastanza lungo. La notizia positiva è che ha lasciato il centro sportivo di Milanello sulle proprie gambe ma nelle prossime ore sarà sottoposto a esami strumentali che valuteranno la reale entità dell’infortunio.

Il ritorno dalla Svezia e il futuro incerto

L'attaccante quando era scoppiata l'emergenza era volato in Svezia, da lì è tornato due settimane fa. Avrebbe dovuto effettuare due settimane di quarantena a Milanello, ma dopo un doppio tampone, non senza polemiche, se n'è tornato a casa. Subito è tornato ad allenarsi, e sabato scorso nella prima partitella aveva già segnato due gol. Resta ancora incerto il futuro a fine stagione: le strade di Ibra e del Milan potrebbero separarsi senza rancore. Il Bologna dell’amico Sinisa Mihajlovic e l'Hammarby, club svedese di cui è socio, lo tentano da tempo ma a breve sarà previsto il summit decisivo con la dirigenza rossonera. Ivan Gazidis, lo incontrerà per discutere del rinnovo del contratto in scadenza a fine stagione. Prima però bisognerà attenderà l'esito degli esami di domani.

Segui già la nuova pagina Sport de IlGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

scorpione2

Lun, 25/05/2020 - 17:53

ALLORA HA RAGIONE TOMMASI