Spunta l'ipotesi penalizzazione. Juve-Napoli cambia la classifica

Secondo quanto riporta Tuttosport si potrebbe trovare un compromesso con un punto di penalizzazione per il Napoli ma niente vittoria a tavolino per la Juventus. Gli azzurri pronti alla "battaglia"

Juventus-Napoli sarebbe dovuta essere la sfida clou della terza giornata di Serie A e invece non si è disputata per via della scelta dell'Asl campana di bloccare la partenza per Torino della squadra di Gennaro Gattuso per la positività di due calciatori azzurri al coronavirus. Le polemiche tra sabato e domenica sono impazzate anche nei giorni a seguire con la decisione del giudice sportivo e della Figc che è ancora sub iudice in attesa del supplemento di indagini utile per far luce su di chi sia realmente la responsabilità in questa vicenda.

Il Napoli non sarà punito?

Sono due le strade che potrà seguire il giudice sportivo: la penalizzazione di un punto in classifica per il Napoli e il 3-0 a tavolino in favore della Juventus, oppure il rinvio della partita a data da destinarsi. Secondo quanto riporta Tuttosport la strada più probabile resta quella del 3-0 a tavolino anche se il club azzurro farà leva sul fatto che sia stata l'Asl Napoli 1 a impedire la partenza della squadra per Torino e non una scelta del club di De Laurentiis.

Secondo il quotidiano torinese, dunque, per non prendere una decisione che sbugiarderebbe l'autorità sanitaria locale si starebbe anche valutando una soluzione di compromesso: niente 3-0 a tavolino con la partita che si disputerà molto probabilmente il 13 gennaio (giorno già designato per la finale di Supercoppa Italiana proprio tra Napoli e Juventus), ma un punto di penalizzazione in classifica per il Napoli. Quasi certamente, se così dovesse essere, il club partenopeo farà certamente ricorso in quanto si ritiene assolutamente in regola. Quello che vorrebbe fare la Figc è dare un segnale forte di come si debba seguire il protocollo per portare a termine il campionato ma anche come non si possa andare contro le autorità sanitarie locali.

Napoli pronto alla battaglia

Il legale del Napoli Grassani, infatti, ai microfoni del Corriere dello Sport ha già dichiarato come il club azzurro sia pronto a presentare ricorso anche attraverso l'utilizzo della giustizia ordinaria se dovesse esserci una penalizzazione: "Il giudizio di appello, qualora abbia luogo, dovrà essere promosso entro 5 giorni dalla decisione di primo grado e investirà circa 3 settimane. Infine, sarà possibile rivolgersi al Collegio di Garanzia del CONI, e i tempi si allungherebbero di altri 45-60 giorni. Una cosa deve essere chiara: se saranno inflitte sanzioni al Napoli, verranno percorsi tutti i gradi di giudizio che l’ordinamento statuale prevede e non si potrà fare a meno di rivolgersi all'autorità giudiziaria ordinaria. Il Napoli non accetterà neanche sanzioni minori".

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Anna 17

Anna 17

Mer, 07/10/2020 - 13:32

Un mondo d'ipocrisia squallida e miserevole. Non so se il Napoli abbia sbagliato o meno, certo che sentire il presidente della Juve parlare e sostenere che la Juve segue le regole, concetto ripetuto più e più volte, fa proprio ridere se non vomitare. Proprio gli juventini che se ne sono sempre fregati delle regole, la prima e più squallida è il numero degli scudetti vinti indicati nel loro stadio. Per non parlare di calciopoli o di Moggi. Ma che schifo.

necken

Mer, 07/10/2020 - 15:51

Anna 17: la juve i suoi errori li ha pagati a caro prezzo

Ritratto di Piddiopentababbei

Piddiopentababbei

Mer, 07/10/2020 - 16:00

Anna17, gne gne...tipica interista ridicola perdente. La Juve ha pagato per Moggi quello che l'inter non ha mai pagato per le intercettazioni di Facchetti, per Recoba, per le plusvalenze, per i caffe' all'anfetamina. I napoletani hanno voluto fare i furbi cercando di non giocare e adesso si beccano quello che e' giusto. Col Genoa che aveva 7 contagiati pero' gli andava bene giocare la settimana prima, quando i giocatori contagiati mancano a loro fanno le sceneggiate invece . Lo schifo son solo i discorsi parziali da tifosetta ridicola come i tuoi.

Ritratto di giovinap

giovinap

Mer, 07/10/2020 - 16:15

pddiopentababbei... poi ti sei svegliato e ti sei trovato bagnato! per che i napoletani avrebbe dovuto fare i furbi visto che sono in grado di battere questa juve anche con solo 9 uomini in campo? alla fine di questa storia ti accorgerai che la juve sarà mazzuolata a dovere ma non dai compagni della f.i.g.c. ma dai giudici veri, quelli penali!

roberto zanella

Mer, 07/10/2020 - 16:32

COMUNQUE LE REGOLE A NAPOLI NON SANNO COSA SONO. SE NON HANNO ISOLATO IL GIOCATORE POLACCO E' UN PROBLEMA LORO. COME SONO ABITUATI A NON METTERE IL CASCO IN MOTO, NON SONO ABITUATI A RISPETTARE LA REGOLA DELL'ISOLAMENTO. HANNO CERCATO DI FARE LA SOLITA SCENEGGIATA. SONO ANCORA NEL REGNO DI FRANCESCHIELLO.

COSIMODEBARI

Mer, 07/10/2020 - 19:39

Praticamente dai un punto di penalizzazione al Napoli, zero punti alla Juve. Ma poi a tutte e due in classifica alla voce partite giocate che numero si scrive? Forse quello che la partita l'hanno giocata? Perché poi in matematica è proprio come diceva Totò "E’ sempre la somma che fa il totale”.