Milan, scintille tra Gattuso e Cutrone: "Perché devo uscire io?"

L'attaccante del Milan si è lamentato con Gattuso per la sostituzione subita contro il Bologna. Il tecnico non ha gradito: "Ci faremo una bella chiacchierata"

Il Milan di Gennaro Gattuso è ancora malato. I rossoneri, infatti, non sono riusciti ad andare oltre lo 0-0 sul campo del Bologna del grande ex Filippo Inzaghi. La squadra è parsa stanca e senza idee con Cutrone ed Higuain che hanno fatto fatica a ritagliarsi spazio tra le maglie dei difensori rossoblù. C'è anche da dire che il centrocampo non ha supportato a dovere le due punte che sono state spesso isolate con Calhanoglu e Suso abulici e mai pericolosi. Al 61' Gattuso ha deciso di sostituire il giovane Cutrone per inserire lo spagnolo Castillejo. Al momento del cambio, però, si è regitrato il malulore di Patrick che uscendo è parso molto contrariato dalla scelta del suo allenatore e avrebbe chiesto: "Ma perché devo uscire io?".

Gattuso al termine del match ha analizzato lo scialbo pareggio ottenuto contro il Bologna:"Abbiamo fatto un possesso palla sterile, serviva maggiore qualità nel finale e invece abbiamo fatto possesso in modo scolastico, abbiamo fatto il solletico al Bologna. Abbiamo anche rischiato di perderla, nelle ultime due partite potevamo allungare e invece le abbiamo fallite. L'emergenza difensiva sta finendo ma inizia di nuovo quella in attacco". Il tecnico rossonero ha poi risposto a chi gli chiedeva del nervosismo e del malumore di Cutrone al momento della sostituzione, facendo capire comunque di non aver gradito lo sfogo del suo attaccante:"Il nervosismo di Patrick? Ci faremo una bella chiacchierata". Il Milan ha fallito l'allungo sulle inseguitrici alla zona Champions e ora contro la Fiorentina dovrà vincere senza il suo centrocampo titolare dato che sia Bakayoko che Kessié saranno squalificati.

Commenti

widmer.v.r

Mer, 19/12/2018 - 13:04

il milan è una squadra di brocchi conclamati! non riesco a concepire come si possa pagare un monte stipendi come quello del milan, che è tra i più alti della serie a, per un branco di giocatori quasi da calcio amatoriale: non c'è una giocata che riesca a nessuno... ogni buona possibilità viene sprecata o dal controllo di palla sbagliato, o dalla maniacale ossessiva moda di passare palla dietro, o dalla cronica mancanza di lucidità nella visione di gioco, o dal tiro fuori porta di almeno 10metri... e lo dico da milanista da sempre, purtroppo!

Stormy

Mer, 19/12/2018 - 14:07

La partita di ieri contro il Bologna era semplicemente INGUARDABILE. Una noia infinita dall'inizio alla fine con dei giocatori che sembra indossino gli scarponi da sci. Cutrone non ha toccato un pallone e protesta pure? Kessie corre come un matto ma ha due ferri da stiro al posto dei piedi, il turco è comico. Una banda di scarsi come pochi. Meglio correre ai ripari. Zero cross dal fondo, due tiri in porta telefonati.......che malinconia.

Ritratto di pedralb

pedralb

Mer, 19/12/2018 - 14:16

Ringhio ..... ti voglio bene, ma per favore leva le tende!!!!

scorpione2

Mer, 19/12/2018 - 14:41

vogliamo parlare anche dell'ex grande del milan inzaghi? ma cose' una crisi degli ex milan che allenano? o e' la scarsa attitudine ad allenare? scarsi e privi di idee, basta correre secondo loro.

Libero 38

Mer, 19/12/2018 - 15:35

Tutto come previsto da copione.Dopo aver visto la partita non si deve andare dal mago per sapere che i due incompetenti scarponi gattuso-inzaghi per salvare la loro panchina si sono messi d'accordo per non farsi del male.Detto questo non capisco cosa aspetta Elliott e il presidente del Bologna a mandarli a raccogliere arance.

Enricolatalpa

Mer, 19/12/2018 - 19:37

Con l’organico attuale, il Milan é la squadra con più punti rispetto alle sue potenzialità nell’intera serie A. Gatttuso sta facendo un miracolo di motivazione. Il problema è l’aspettativa da grande squadra, il tifoso milanista medio che crede di poter fare le “nozze coi fichi secchi” semplicemente in ragione del blasone dei tempi che furono. Il fondo Elliot ha comprato la squadra per farci un affare non appena troverà qualcuno a cui venderla, non certo per investirci ulteriori soldi. Il resto è folclore...!

jaguar

Mer, 19/12/2018 - 20:36

Gattuso c'entra poco, ha a disposizione dei brocchi e deve arrangiarsi. Le responsabilità piuttosto sono da cercare nella società, composta evidentemente da altri brocchi. Purtroppo ci stiamo abituando a vivere di ricordi.