MotoGp, commozione a Misano: inaugurato monumento per Hayden

È stato inaugurato oggi a Misano Adriatico il monumento in ricordo dell'ex pilota statunitense, morto l'anno scorso in un incidente stradale mentre era in giro con la sua bicicletta. La statua si trova all'interno di un giardinetto

MotoGp, commozione a Misano: inaugurato monumento per Hayden

Era il 22 maggio 2007 quando l'ex pilota motociclistico Nicky Hayden moriva dopo cinque giorni di coma a seguito di un incidente stradale. Quasi 16 mesi dopo, gli amici lo hanno voluto ricordare con un monumento inaugurato oggi nel Comune di Misano Adriatico, a pochi metri dal luogo in cui è stato investito mentre era in sella alla sua bicicletta. Alla cerimonia presenti amici ed ex conoscenti dello sfortunato Kentucky Kid - come era soprannominato - tra cui Denis Pazzaglini, ex meccanico del centauro ai tempi della sua esperienza alla Honda (un indimenticabile titolo mondiale nel 2006 e un terzo posto l'anno prima).

Una sincera commozione. È il sentimento provato oggi dalle decine di persone che hanno voluto essere presenti all'inaugurazione del monumento dedicato alla memoria di Nicky Hayden. Come riporta Sport Mediaset, la data scelta per la cerimonia non è stata casuale. Domenica si disputerà il Gp di San Marino e il giardinetto all'interno del quale è stato collocato il monumento si trova nella frazione della Cella - a poche centinaia di metri dal circuito di Misano - e a pochi passi dalla strada dove avvenne il drammatico incidente. Hanno partecipato tra gli altri Luca Colaiacovo, presidente della società proprietaria del Misano World Circuit, e Andrea Albani, managing director dell'autodromo che di recente è stato intitolato a Marco Simoncelli.

L'idea di ricordare il pilota Usa è partita dagli amici e dagli ex collaboratori di Hayden, in particolare il già citato Denis Pazzaglini. L'opera è stata realizzata grazie a una sinergia con i proprietari del giardinetto e il Comune di Misano. I lavori sono partiti dopo Pasqua e hanno portato all'abbellimento del giardino e alla realizzazione e installazione del monumento, tutto a spese degli amici e degli ex tifosi del pilota che dal giorno in cui Hayden è stato ucciso portano periodicamente fiori, biglietti e fotografie. Intanto continua la battaglia della famiglia del centauro per avere giustizia. Il 10 ottobre è in programma a Rimini la prima udienza del processo per omicidio stradale in cui è imputato l'uomo che investì il pilota americano quel tragico 22 maggio.

Commenti