Il popolo giallo adesso teme che Vale diventi un Signor Rossi

«Marc Marquez, Quartararo e Viñales fanno un altro sport. Anche Dovizioso è stato concreto. Dietro c'è un gruppo dove siamo tutti vicini». È lo stesso Valentino Rossi a fare una fotografia oggettiva della gara che si è consumata domenica a Jerez. Il via del campionato 2020 sulla pista andalusa ha mostrato un Mondiale a due velocità con uno strapotere del binomio Marquez-Honda, Yamaha protagonista, ma solo con Quartararo e Viñales, Ducati in affanno e tutti gli altri a inseguire. Il Marquez show, volato nella ghiaia ad un soffio dalla firma dell'impresa, ha suggellato la grandezza dello spagnolo ma anche la follia. «Marc non ha nulla di cui pentirsi, lo ammiriamo molto», ha dichiarato Alberto Puig, team manager Honda, a sostegno del campione che oggi sarà operato alla clinica Dexeus di Barcellona per ridurre con una placca o una vite la frattura all'omero. «L'aspetto negativo del weekend è l'infortunio di Marc. Questa è una cosa davvero brutta. Dall'altra parte però, abbiamo visto tutti il suo livello. Marquez e la Honda RC213V sono chiaramente un passo avanti agli altri. Non era solo un po' più veloce, era molto più veloce di tutti gli altri. La differenza, piaccia o no, continua ad aumentare anno dopo anno».

L'infortunio inciderà pesantemente su un campionato che non concede tregua. Ne approfitteranno le due Yamaha, ma il popolo giallo reclama il ritorno alla competitività di Rossi. Il ritiro per un alert tecnico non rincuora una prestazione anonima. «Per diverse ragioni non riusciamo a far lavorare le gomme come dovrebbero. Il mio stile di guida non c'entra (come ha insinuato il capo della Michelin Piero Taramasso), sono solo più alto di tutti gli altri piloti». L'arrivo del nuovo capo tecnico e i test invernali erano stati incoraggianti, ma la prima gara dell'anno ha riportato alla dura realtà il pesarese che è ripartito come aveva finito il 2019. Si teme per il morale del 9 volte iridato, ma lui rassicura: «Aspettare 4-5 gare per decidere di continuare il prossimo anno? No, voglio continuare». E il popolo giallo ringrazia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

onurb

Mar, 21/07/2020 - 10:33

Valentino deve prendere atto che alla sua età non è più competitivo con i giovani piloti che potrebbero essere suoi figli. Capito ciò, la soluzione, che a mio modesto avviso Valentino avrebbe dovuto adottare già qualche anno fa, è una sola: appendere il casco al chiodo per non disperdere tutto ciò che di ottimo ha fatto nella sua carriera.

Ritratto di Flex

Flex

Mar, 21/07/2020 - 12:10

Caro Valentino sei stato un grande ma ora basta scuse di motore, gomme, telaio è arrevata l'ora di appendere il caso e seguire le corse da altra posizione.

Angelo664

Mar, 21/07/2020 - 12:22

Beh, sarebbe ora !! Inutile rischiare oltre

Angelo664

Mar, 21/07/2020 - 12:23

Solo se riuscisse a gareggiare con i primi allora si .. vai avanti. Cosi' no !!

CidCampeador

Mar, 21/07/2020 - 12:53

il tempo non fa sconti a nessuno

Angelo664

Mar, 21/07/2020 - 13:46

onurb o peggio andare a farsi male con seri compromessi per la sua rosea vita futura !! Soldi come se avesse vinto alla lotteria, gnocca e tutto il resto .. meglio pensarci.

florio

Mar, 21/07/2020 - 14:37

Vale sei stato un grande, ho vissuto emozioni bellissime, vederti ora con una moto non competitiva e l'età che non perdona è molto triste. Abbandona e goditi la vita, quello che hai fatto in moto GP e altro non lo dimentica nessuno. L'attuale non appartiene a campioni del tuo calibro, non sporcare oltre la tua immagine!

ROUTE66

Mar, 21/07/2020 - 14:59

Ammiro moltissimo il VALE,però ha l"impressione(e quanto vorrei sbagliare) che stia facendo la fine di un"altro supercampione (del calcio) IL GRANDE BARESI,che purtroppo nei suoi ultimi anni usava più le mani dei piedi per fermare gli avversari