Salvini attacca ancora Higuain: "Indegno". Il Pipita rifiuta di calciare un rigore

Matteo Salvini è tornato all'attacco di Gonzalo Higuain: "Si è comportato in maniera indegna, spero non si faccia più vedere a Milano. A me non piacciono i mercenari". Il Pipita fa il suo esordio con il Chelsea ma si rifiuta di calciare un rigore

Salvini attacca ancora Higuain: "Indegno". Il Pipita rifiuta di calciare un rigore

Gonzalo Higuain rappresenta ormai il passato per il Milan e per i suoi tifosi. Il futuro dei rossoneri si chiama Piatek che dovrà far dimenticare il Pipita a suon di gol. L'ex attaccante della Juventus ha esordito con la maglia del Chelsea nella sfida di FA Cup vinta dai Blues per 3-0 contro lo Sheffield Wendsdey. Sullo 0-0, al 26' del primo tempo, l'arbitro concede un penalty alla squadra di Maurizio Sarri con il brasiliano Willian che offre il pallone a Higuain per permettergli di segnare il suo primo gol con la nuova maglia. Il Pipita, però, rifiuta il bel gesto del compagno forse per paura di sbagliare o forse perchè vuole che il suo primo gol con il Chelsea sia sua azione e non su calcio da fermo.

A fine gara Willian ha spiegato: "Volevo che segnasse subito il suo primo gol". Il brasiliano ha sbloccato il risultato e il Chelsea ha poi chiuso sul 3-0 anche se a referto è mancato il gol di Higuain. I tifosi del Milan, come detto, non l'hanno nemmeno preso in considerazione durante il match pareggiato contro il Napoli. Un tifoso d'eccezione, però, Matteo Salvini, dopo averlo punto dicendosi felice del suo addio, ha ribadito il concetto ai microfoni di RTL 102.5: "Si è comportato in maniera indegna, spero non si faccia più vedere a Milano. A me non piacciono i mercenari. Sono contento che se ne sia andato per me l'attaccamento alla maglia è fondamentale".

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento