"Siluro" di Moratti alla Juventus: "Siete stati eliminati da loro..."

L'ex presidente dell'Inter ha riservato una stoccata al veleno nei confronti della Juventus eliminata dal Lione dalla Champions League: "Un conto è uscire con il Psg, ma con il Lione..."

La Juventus è stata eliminata dal Lione agli ottavi di Champions League e Massimo Moratti ai microfoni di QS ha riservato una stoccata al vetriolo nei confronti del club bianconero: "Un conto è essere eliminati dal Psg un conto andare a casa con la settima classificata del campionato francese. All'Inter per rivincerla aspettammo 45 anni, la Juve è alle soglie delle nozze d'argento con il digiuno...", il commento dell'ex numero uno del club nerazzurro che ha girato il coltello nella piaga in una ferita ancora aperta per i colori bianconeri. Moratti ha poi riservato parole al miele nei confronti dell'Atalanta e del suo ex allenatore, mai amato, Gian Piero Gasperini: "Mi è dispiaciuto tanto per l'Atalanta. Uscire in extremis fa male ma Gasperini è stato straordinario".

Il sogno nerazzurro

Moratti non ha solo parlato di Champions League ma anche e soprattutto di Lionel Messi, sogno proibito dell'Inter già dai tempi dell'ex patron nerazzurro: "Io ormai dell’Inter sono un semplice tifoso e non ho informazioni riservate. Ma una cosa la so: per risorse e per competenze, Suning ha tutto per portare Leo a Milano", questo il commento di colui capace di portare a Milano, sponda nerazzurra, una Champions League che mancava da 45 anni nella bacheca del club di Viale della Liberazione. Se ci credo? Mai dire mai, come si scrive in cinese?".

Il ripensamento

Moratti ha poi speso parole al miele per Romelu Lukaku vero e proprio idolo dell'Inter con 31 reti al suo attivo in stagione che ha di fatto spinto nel dimenticatoio l'ex capitano Mauro Icardi: "Mi sono sbagliato sul conto di Lukaku! Sinceramente pensavo fosse forte solo fisicamente e temevo di rimpiangere Icardi. Invece Romelu è un campione, aiuta sempre i compagni, ha una visione di gioco. Aveva ragione Conte a pretenderne l’acquisto e sempre Conte è stato bravissimo a migliorarlo e a far crescere tutta la squadra intorno a lui. Quanto alla Europa League, non sarà facile, sono rimaste quattro formazioni molto competitive", il commento di Moratti sull'attaccante belga e sull'Inter impegnata nella semifinale di Europa League il prossimo 17 agosto contro lo Shakhtar Donetsk.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.