«È stato lui: nel garage il mattatoio»

«È stato lui: nel garage il mattatoio»

Un assassino spietato, capace di ordire «un piano di apparente perfezione». Il procuratore capo di Brescia, Tarquini, svela i retroscena sull'assassinio dei coniugi Donegani e accusa il nipote Guglielmo Gatti di omicidio premeditato. «Le tracce di sangue trovate nel garage della villetta di via Ugolini - ha spiegato il magistrato - provano che quello è stato il mattatoio». E la Procura sta vagliando la possibilità di fare accertamenti anche sulla morte del padre di Guglielmo Gatti, deceduto nel giugno scorso per infarto. C'è l’ipotesi della riesumazione del cadavere.

Commenti

Grazie per il tuo commento