Mondo

Strage copti: trovati i resti del kamikaze di Alessandria

La testa di un uomo con lineamenti asiatici è stata trovata tra le macerie della chiesa di Alessandria. Secondo gli inquirenti potrebbe appartenere all'attentatore che il giorno di Capodanno ha provocato 21 vittime. Napolitano: "Serve un'iniziativa della Ue"

Strage copti: trovati i resti  
del kamikaze di Alessandria

Il Cairo - Una testa con lineamenti afghani o pachistani è stata rinvenuta fra le macerie provocate dalla esplosione alla chiesa copta dei Santi ad Alessandria avvenuta a Capodanno. Nell'attentato hanno perso la vita 22 persone. Lo riferisce il quotidiano Masri Al Youm, citando fonti della sicurezza. La testa è stata inviata al laboratorio criminale per essere esaminata e identificata. tra gli inquirenti si sta facendo largo l'ipotesi che possa essere la testa dell'attentatore anche perchè nessuno dei parenti delle vittime l'ha riconosciuta.

Napolitano: "Serve iniziativa Ue" "Credo che sia giusto chiedere che in sede europea il tema della libertà religiosa diventi oggetto di discussione e di iniziativa". Così il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. "Quello che è accaduto in Egitto - ha detto Napolitano, riferendosi alla strage di cristiani copti ad Alessandria d’Egitto - è anche parte di una situazione interna del Paese, di grande tensione e preoccupazione". Il Capo dello Stato - che ha parlato con i giornalisti a margine della visita al Pio Monte della Misericordia, antica istituzione caritativa nel centro storico di Napoli - ha ricordato di aver toccato "in modo impegnativo il tema della libertà religiosa quando ho rivolto gli auguri al Corpo diplomatico il 20 dicembre. Ho posto con molta forza la questione perchè, parlando in generale del tema dei diritti umani, non si può ignorare questo aspetto specifico così significativo e rilevante che è la libertà religiosa".

Copti, allarme in tutto il mondo Dilaga la paura fra cristiani e copti dopo l'attentato avvenuto ad Alessandria. La polizia francese ha rafforzato i controlli di sicurezza nei pressi delle chiese copte e ha aperto un’inchiesta su alcune minacce rivolte via web ai luoghi di culto del paese. Lo riporta la stampa francese, spiegando che le minacce di attacchi terroristici sono apparse su alcuni siti Internet dopo l’attentato di Capodanno ad Alessandria d’Egitto, che ha fatto 21 vittime nei pressi di una chiesa copta. Il ministero degli Interni austriaco ha annunciato ieri che la comunita copta è sotto protezione dopo la scoperta di una lista con i nomi di 150 copti nel mirino, di cui 15 in Austria, pubblicata sul sito del gruppo terroristivo Stato islamico dell’Iraq. In Italia, il vescovo copto ortodosso Barnaba El Soryani, titolare della diocesi di Torino, Roma e Firenze, ha detto in un’intervista rilasciata ieri: "Siamo sotto la minaccia di al-Qaeda, come è stato annunciato sui siti dell’organizzazione, abbiamo chiesto la protezione della polizia italiana durante la preghiera che si svolgerà la notte del 6 gennaio", che per i copti coincide con il Natale.

Scontri ad Alessandria: dieci feriti È di 10 poliziotti feriti il bilancio degli scontri avvenuti ieri sera ad Alessandria d’Egitto. Secondo quanto riferisce la tv araba al-Jazeera per il terzo giorno consecutivo gruppi di copti sarebbero stati protagonisti di atti di violenza per dimostrare la rabbia dopo l’attentato. Ieri sera un gruppo di giovani avrebbe attaccato alcuni poliziotti schierati nella zona di Shubra durante una manifestazione a cui hanno preso parte circa 3 mila persone.

Nel corso dell’aggressione i manifestanti hanno lanciato sassi contro gli agenti danneggiando diversi mezzi della polizia.  

Commenti