Lo studio I primati della città: sanità, design e moda

Milano è una città leader nel campo del design, del mobile e della sanità. Polo fieristico d’avanguardia e centro universitario di livello internazionale. Lo rivela il primo rapporto di competitività e attratività della città di Milano, presentato ieri dal sindaco, Letizia Moratti, e dall’assessore comunale al Turismo, Marketing Territoriale ed Identità, Massimiliano Orsatti, in una conferenza stampa nell’ambito dell’evento «I want Mi» a Palazzo Reale.
Lo studio, che comprende l’analisi del posizionamento della città in oltre 70 sistemi di ranking nazionali e internazionali, ha l’obiettivo di fornire metodo e strumenti per monitorare l’evoluzione competitiva dell’area urbana milanese e quindi favorire il miglioramento dell’attrattività sul breve e lungo periodo. «Non siamo qui a dare un’immagine della città - ha commentato il sindaco in accordo con l’assessore - ma per presentare un film di cui siamo tutti registi e protagonisti». Come spiegato dalla Moratti, il progetto ha rivelato «luci e ombre» di una città che se in alcuni campi può vantare un grado di competitività molto elevato, in altri mostra buoni margini di miglioramento. È il caso dell’attrattività culturale e turistica, incisiva sulla popolazione italiana, ma meno marcata oltre il confine nazionale. «Il 40% del totale dei turisti, però, dicono che Milano è migliore rispetto alle aspettative», ha dichiarato il sindaco, che ha individuato proprio nel turismo «un settore su cui lavorare».
Un altro risultato sottolineato dalla Moratti riguarda la disponibilità del 53% dei cosiddetti talenti a trasferirsi a Milano per lavorare, dato che sale al 57% quando il trasferimento avviene per motivi di studio.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.