Addio a WhatsApp su questi cellulari dall'1 novembre

Dal 1° novembre, l'app di messaggistica WhatsApp smetterà di funzionare negli smartphone più obsoleti: ecco quali e come risolvere il problema

Addio a WhatsApp su questi cellulari dall'1 novembre

A partire dal 1° novembre, l'app di messaggistica più usata al mondo, WhatsApp, smetterà di funzionare su alcuni telefoni se non si seguiranno alcune procedure per aggiornare il proprio sistema operativo.

Cosa cambia

Come riportato sull'area Faq della stessa app, alla voce Android-installazione e "Informazione sui dispositivi Android supportati", in fondo alle caratteristiche si legge una Nota: "WhatsApp non supporterà più i dispositivi Android con sistema operativo 4.0.4 e versioni precedenti a partire dall'1 novembre 2021. Ti invitiamo a passare a un dispositivo supportato o a salvare la cronologia chat entro tale data". In pratica, sui dispositivi con questo sistema operativo che non vengono aggiornati da almeno 10 anni (o che non supportano i nuovi aggiornamenti perché ormai obsoleti), l'app di messaggistica istantanea smetterà di funzionare.

Situazione simile anche per i dispositivi iOS: “WhatsApp per iPhone necessita di iOS 10 o versioni successive“. Anche qui vale la stessa regola: o si aggiorna il telefono con la versione più recente, o si compra un nuovo smartphone se non può essere supportata dai dispositivi più vecchi ed obsoleti.

Perché è un problema risolvibile

In pratica, si tratta di dispositivi risalenti al 2012 e le persone che ne fanno uso non sono più tantissime: nonostante la criticità, quindi, sarà un problema circoscritto ad una minoranza di utenti. La strada è una sola: se non si può fare l'aggiornamento, conviene cambiare smartphone. Come riportato da computermagazine, l’azienda ha deciso di procedere in questo modo perché un vecchio software su telefoni di vecchia generazione costa soldi, investimento e tanto tempo. A questo punto, quindi, meglio concentrare le proprie energie sui modelli più recenti.

Come salvare tutte le chat

Chi non può fare a meno dell'app e comprerà un nuovo smartphone, come farà a salvare tutti i dati (audio, video, ecc.) contenuti nell'app? Tramite il backup che serve per salvare la cronologia delle chat: in realtà, il sistema di default è impostato affinché un backup venga effettuato automaticamente e salvato nella memoria del telefono. A seconda delle impostazioni, il backup delle chat WhatsApp si può eseguire periodicamente anche su Google Drive. Chi vuole, invece, disinstallare l'app dal telefono e non vuole perdere i messaggi, si dovrà assicurare di eseguire un backup manuale delle chat prima di disinstallare l'applicazione.

Gli utenti sono avvisati: ancora un paio di settimane e toccherà correre ai ripari se si vorrà continuare ad utilizzare l'app americana acquistata da Facebook nel 2014 per la "modica" cifra di 19,3 miliardi di dollari.

Commenti