Termovalorizzatore nel mirino, ma tra un anno è emergenza

La Lega presenta il suo piano B per il termovalorizzatore. Il Carroccio non vuole il nuovo impianto a Opera, dentro il Parco Sud, e oggi il capogruppo Matteo Salvini presenterà una soluzione alternativa a Palazzo Marino, dove il presidente Manfredi Palmeri ha convocato un consiglio speciale per discutere il progetto. Un «mangiarifiuti» che, ovviamente, nessuno vorrebbe sotto casa e la cui necessità fu stabilita dalla giunta di centrosinistra di Filippo Penati. «L’impianto - spiega il presidente di Amsa, Sergio Galimberti - è stato progettato applicando le migliori tecnologie disponibili, utilizzando l’innovazione scientifica e tecnologica per ottenere il massimo livello di tutela ambientale». Ma, nonostante le rassicurazioni, Opera si oppone e non vuole il termovalorizzatore: «Chiediamo - spiega il sindaco leghista Ettore Fusco - che si dica no all’inceneritore nel parco». Contrario ad «ospitarlo» anche Massimo D’Avolio (centrosinistra) il sindaco di Rozzano che, tuttavia, considera indispensabile la sua costruzione. Ovviamente in un altro Comune.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti