Una torre di luce per i romani nottambuli

Michela Giachetta

Roma, come una signora, riapre le porte ai cittadini con addosso il vestito bello della festa. È la Notte Bianca il primo evento importante nella capitale dopo la pausa estiva. Per la prima volta, quello che è ormai diventato un appuntamento tradizionale della città, in programma il 9 settembre sarà preceduto da «Aspettando... la Notte Bianca», che si svolgerà l’8. E la capitale, che si solito si presenta struccata, per l'occasione decide di mettersi in ghingheri. Di illuminarsi a festa. Letteralmente. «Non facciamo nella Notte Bianca - spiega il sindaco - il grande evento, ma faremo tantissimi eventi che attraversano la città in giochi di luce e di movimento che siano in sintonia con il vivere questa notte in maniera “leggera”. L’illuminazione del Gazometro - chiamato per l'occasione “luxometro” - si vedrà da tutta Roma e sarà il simbolo di tutto questo».
È questa una delle novità della Notte Bianca targata 2006. La struttura, costruito nel 1936, alto 92 metri, che si trova a Ostiense, si accenderà per la prima volta l’8 settembre, alle 21, ma sarà illuminata tutti i giorni, fino al 16 settembre dall’imbrunire all’alba. Ma il programma si presenta ricco: più di mille artisti, circa 28 ore di spettacoli per oltre 400 appuntamenti sono gli ingredienti del primo grosso evento della stagione, che vedrà coinvolta tutta la città, dal centro alle periferie. Cinque i motivi conduttori della rassegna, la meraviglia, la poesia, il mistero, la festa e il gioco, per ognuno di questi ci sarà un percorso ad hoc, visibili sul sito www.lanottebianca.it. Ma si potrà scegliere di perdersi liberamente nelle vie, nelle piazze o nei vicoli cittadini e decidere di visitare luoghi solitamente chiusi di notte. L'assessore alla Cultura Gianni Borgna ha annunciato che saranno aperte 34 gallerie d’arte, 50 musei e siti archeologici, 20 teatri, 24 librerie, 15 biblioteche. E per chi decide di rimanere all’aperto, sperando nel bel tempo, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Il 9 settembre in piazza del Campidoglio alle 21, si esibiranno i ballerini Roberto Bolle e Alessandra Ferri, che interpreteranno scene da Romeo e Giulietta, seguiranno alle 22.30 Gianni Morandi, con la sua chitarra e a mezzanotte il «romanissimo» Gigi Proietti. La rassegna si concluderà alle 6 di mattina al Pincio con il concerto di Vinicio Capossela, mentre alla stessa ora la Terrazza del Granicolo ospiterà una rassegna di grandi colonne sonore in un concerto per piano eseguito dal maestro Luciano Michelini.
Per gli amanti del «giallo» Grandi Stazioni, società delle Ferrovie dello Stato, ha organizzato una kermesse al binario 1 della stazione Termini: uno spettacolo di 45 minuti (che sarà replicato 4 volte) ispirato ad «Assassinio sull’Orient Express» e «Istantanea di un delitto» di Agatha Christie, con treno e costumi d’epoca.
E poi ancora teatro, cinema, parchi, accademie, istituti culturali, centri sportivi. Il vestito bello della festa è pronto.

Commenti