Tragedia a un festino gay 42enne muore a Roma, un suo amico è in coma

Un festino gay a base di sesso e divertimento finito in tragedia. Al risveglio il dramma: un 42enne, che faceva parte di un gruppo di sette amici, è stato trovato morto all’alba. Un altro in coma

Tragedia a un festino gay 
42enne muore a Roma, 
un suo amico è in coma

Roma - Un festino gay a base di sesso e divertimento finito in tragedia a Roma. Un 42enne, che faceva parte di un gruppo di sette amici che ieri sera avevano cenato insieme in un’abitazione di via Antoniazzo Romano, al Trionfale, è stato trovato morto all’alba all’interno dell’appartamento. Un altro amico invece dava segni evidenti di un grave malore. Portato all’ospedale Santo Spirito, è in coma. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia Trionfale per accertare le cause.

Una cena finita in tragedia All'alba alcuni partecipanti al festino sono andati a "svegliare" due dei loro amici che apparentemente stavano ancora dormendo, ma ben presto si sono resi conto che uno stava molto male, mentre l’altro era privo di sensi. Hanno così chiamato i soccorsi: il 42enne era ormai morto, mentre un’ambulanza del 118 ha portato l’altro uomo all’ospedale Santo Spirito, dove si trova in coma. Entrambi sono italiani. Dai rilievi tecnico scientifici finora non sono state ritrovate tracce di sostanze stupefacenti nel piccolo appartamento, ma secondo quanto si è appreso da fonti sanitarie l’uomo finito in coma è risultato positivo al test della droga.

Commenti