Viaggiare sui binari del lusso tra la Mongolia e Saint Moritz

Viaggiare sui binari del lusso tra la Mongolia e Saint Moritz

Signori in carrozza! Non stiamo parlando di treni superveloci che «teletrasportano» da un luogo ad un altro, bensì di mezzi d'epoca che offrono il piacere dello slow travel, con finestrini che affacciano su panorami che scorrono come in un film proiettato al rallentatore.
Così è il trenino rosso del Bernina che collega Tirano a Saint Moritz. É definito il più bel collegamento fra il freddo del Nord e il calore del Sud, tanto che l'Unesco nel 2008 ha inserito nel patrimonio mondiale dell'Unesco (www.rhb.ch/unesco) la sua tratta fra Thusis e Tirano, in Valtellina, piazzandola al terzo posto tra le tratte ferroviarie mondiali. Sempre restando in Svizzera c'è Il Glacier Express (www.glacierexpress.ch/IT), tanto lento quanto famoso che, in circa sette ore, attraversando 91 gallerie e oltre 291 ponti, viaggia da Zermatt a Davos o St. Moritz. Un viaggio di un giorno per godere di paesaggi montuosi incontaminati, primo tra tutti il Cervino, gole profonde, laghi montani gelati e villaggi tipici.
Per rivivere un'atmosfera romantica di altri tempi, avvolti dal mistero dell'Africa, ma con trattamento a cinque stelle c'è il Rovos Rail (www.rovos.com), uno dei treni più lussuosi del mondo, con locomotiva a vapore. Vagoni rivestiti in legni pregiati, lounge panoramiche, 36 suite con tanto di vasca da bagno che occupano mezza carrozza. La gamma degli itinerari include i percorsi Pretoria-Cape Town, Pretoria-Mpumalanga, Pretoria-Cascate Vittoria e l'escursione a Dar-es-Salaam, bellissima città coloniale della Tanzania. In Alaska, invece, ci sono treni che viaggiano solo d'estate o durante i weekend invernali. L'Alaska Railroad (www.alaskarailroad.com) da Fairbanks ad Anchorage e viceversa, attraversa la natura selvaggia, stile film «Into the Wild». Si costeggiano ghiacciai, si viaggia lungo le valli e le foreste e si osserva il passaggio delle balene.
In Oriente, viaggiando sul Belmond Eastern and Oriental Express (www.belmond.com), in comode carrozze in stile coloniale, si attraversano alcuni dei paesaggi più esotici del mondo. Foreste pluviali, piantagioni di gomma e risaie, passando per Bangkok, attraversando il fiume Kwai, scendendo sulla costa malese e approdando sulle spiagge tropicali di Penang. Le tratte sono Kuala Lampur-Bangkok, Singapore-Bangkok, il tour del Laos e il tour della Thailandia che arriva fino in Malesia, alla scoperta dell'Asia più nascosta.
Dal 2 al 6 ottobre 2014 la compagnia propone una speciale tratta a scopo benefico per supportare l'associazione «Save Wild Tigers». L'itinerario di quattro notti è un'occasione unica per visitare l'habitat delle tigri tra Singapore, Malesia e Thailandia, e prevede due notti a bordo, un pernottamento al Raffles Singapore e uno al Mandarin Oriental a Bangkok, cena di gala presso l'Hotel Majestic a Kuala Lumpur. In India, per rivivere il fasto dell'epoca dei Maharaja, alla scoperta del patrimonio artistico e naturalistico della regione a nord, con il Taj Mahal, le tigri del parco Ranthambore, il Rajasthan e il Gujarat c'è il treno di lusso Maharajas' Express (www.maharajas-express-india.com). Durante il viaggio si possono fare esperienze uniche come una partita di polo con gli elefanti, aperitivi, pranzi e cene nelle fortezze, nel deserto e con le famiglie dei Maharaja. Cinque gli itinerari di 3 o 7 notti. Quattordici le carrozze divise in 20 cabine deluxe, 18 junior suite, 4 suite e 1 Suite Presidenziale, la più grande al mondo a bordo di un treno.
I Venice Simplon di Orient Express (www.belmond.com), leggendari e lussuosissimi treni della famosa compagnia, viaggiano in Europa e percorrono diversi itinerari. Diciassette le carrozze d'epoca Wagon-Lits, in stile Art Dèco anni '20 e '30, in cui si respira un´atmosfera vintage. Le tratte più affascinanti sono la Londra-Venezia e la Parigi-Budapest-Bucarest-Istanbul.
Infine per un viaggio leggendario c'è la Transiberiana (www.transiberiana.com) che corre sulla linea ferroviaria più lunga del mondo. Parte da Mosca per arrivare a Pechino, 6000 km, oppure da Mosca va a Vladivostok, 9000 km, attraversando l'Asia da un estremo all'altro. In 15 giorni si toccano luoghi favolosi come la Siberia, il Lago Baikal, la Mongolia e il deserto del Gobi.

Commenti