Yemen, il capo di al Qaida è ancora in fuga

Tre persone sono state arrestate ieri in ospedale come sospetti membri di al Qaida. Ma fra loro non c'è Mohammad Ahmed al Hanak, il leader locale di al Qaida. Lo rivela il ministro dell’Interno yemenita Rashad al Halimi. Intanto Obama attende il rapporto dei suoi consiglieri per decidere la stretta sulla sicurezza. Riunione anche dei paesi Ue

Sanaa - Clamorosa smentita dal governo yemenita: il ministro dell'Interno Rashad al Halimi ha affermato che il capo locale di al Qaida, Mohammad Ahmed al Hanak, è ancora in fuga. La notizia del suo arresto in un ospedale era stata diffusa ieri da fonti della sicurezza in forma anonima. Tre persone sono state arrestate ieri in ospedale come sospetti membri di al Qaida, ma fra loro non c’è al Hanak.

Obama: correzioni sulla sicurezza Il presidente americano Barack Obama mantiene la pressione sull’intelligence perché siano corrette al più presto le disfunzioni che hanno consentito ad un terrorista di salire a bordo di un aereo con dell’esplosivo. Oggi un rapporto sarà consegnato al presidente dai suoi consiglieri per la sicurezza, con i primi suggerimenti su come modificare il sistema. Anche l’Europa discute di sicurezza: riunione degli esperti dei 27 Stati membri sulla questione sicurezza degli scali Ue e sui body scanner. 

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.