A 62 anni suonati il vescovo dell'arcipelago Salomon prende il brevetto da pilota

Don Luciano Capelli vigila su una comunità cattolica sparsa su 990 isole ed era finora costretto a spostarsi in motoscafo. I Lions della Valtellina gli hanno pagato un corso di volo, superato nei giorni scorsi. E adesso si apprestano a lanciare una sottoscrizione per comprargli anche un aereo ultraleggero

Troppo costoso spostarsi da un'isoletta all'altra in motoscafo e soprattutto troppo lento. Così don Luciano Capelli, vescovo delle isole Salomon ha lanciato un appello raccolto dai Lions della Valtellina che gli hanno prima pagato un corso di pilota, per altro brillantemente superato alle non verde età di 62 anni, e ora si apprestano a lanciare una sottoscrizione per un ultraleggero.
Le Salomon sono una nazione insulare dell'Oceano Pacifico meridionale, composta da 990 isole, che complessivamente coprono una superficie di 28mila chilometri quadrati, abitate da 470mila abitanti. La capitale Honiara, 49.107 abitanti, è situata sull'isola di Guadalcanal, famosa anche per una furiosa battaglia tra americani e giapponesi, durata dal 7 agosto 1942 e i 9 febbraio 1943. Indipendente dalla Gran Bretagna dal 1978, fa tuttavia ancora parte del Commonwealth, tanto che ufficialmente il Capo di Stato risulta ancora la regina Elisabetta II. L'arcipelago deve il suo nome alla massiccia presenza di oro, notata dal suo primo esploratore che ritenne il luogo una delle possibili fonti dell'immensa fortuna del biblico Re Salomone.
Il 96 per cento della popolazione professa il Cristianesimo, più o meno equamente diviso tra anglicani e cattolici romani, sui quali veglia appunto monsignor Luciano Cappelli. Perennemente in difficoltà nello spostarsi tra le quasi mille isole e isolette e per questo alla disperata ricerca di un brevetto da pilota e di un aereo. Il primo ostacolo è stato ufficialmente superato lunedì 14 giugno con la consegna, presso l'aviosuperficie di Caiolo, in provincia di Sondrio, delle «Ali d'oro», a testimonianza del superamento dell'esame di volo. Il vescovo, originario di Tirano (Sondrio), grazie al corso finanziato dai Lions della Valtellina, nella sua Missione potrà d'ora in poi spostarsi da un'isola all'altra alla guida di un piccolo velivolo da lui pilotato.
«Ora - dichiara monsignor Capelli - potrò portare il Vangelo in modo più agevole e rapido. Prima ero costretto a muovermi con un motoscafo guidato da altri, con tempi di percorrenza e costi assai più elevati».
«Abbiamo iscritto l'alto prelato a un corso intensivo della durata di un mese, approfittando di un periodo di vacanza nella natia Valtellina - sottolinea Enrico Magini, istruttore e presidente dell'Aeroclub di Caiolo la cui scuola di volo è tra le più quotate in Italia - e don Capelli ha brillantemente superato l'esame. Non è stato un allievo facile, in relazione anche alla sua non più giovanissima età e alle condizioni meteo in cui si sono svolte le lezioni».
I Lions di Sondrio Masegra, Tellino e Bormio sono adesso pronti a un'altra scommessa. «È partita la colletta - spiega Antonio Staino, past president del Masegra Sondrio e ideatore dell'iniziativa - per raccogliere i soldi necessari all'acquisto di un ultraleggero da donare a don Capelli, promosso pilota. Oggi sono pervenute le prime offerte. Sono sicuro che ce la faremo».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti