Alan Kurdi, il blitz in Libia con il trucco Un’altra nave (tedesca) punta sulla Sicilia

Recupera gommone «invisibile» con 65 profughi. E non è l’unica stranezza

Foto di repertorio
Foto di repertorio

Un’altra nave dei talebani dell’accoglienza tedeschi recupera 65 migranti ad un passo dalla Libia sostenendo di averli trovato per caso, come un ago nel pagliaio. Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, intima alla Germania di aprire i loro porti perché la nave, l’Alan Kurdi, batte bandiera tedesca. Ieri mattina alle 6.10 l’unità dell’Ong Sea eye “ha un contatto visivo con un gommone” si legge in una mail inviata dal responsabile della missione J. Ribbeck.


L’Ong con base in Baviera, “sorella” della Sea watch della capitana Carola Rackete, sostiene di avere scoperto il gommone per puro caso a 34 miglia dalla costa in acque di ricerca e soccorso libiche. "Le persone a bordo sono state incredibilmente fortunate- ammette Gordan Isler - la possibilità di essere rintracciati con il binocolo nelle ore del mattino è trascurabile: senza un telefono abilitato al Gps e con conoscenze nautiche di base, questi giovani probabilmente non avrebbero raggiunto un luogo sicuro e sarebbero scomparsi in mare”. Per stessa ammissione dei tedeschi il gommone non stava affondando. E’ un caso più unico che raro o si tratta di un “recupero” organizzato da terra? “Un colpo di fortuna avrebbe senso se fossero partiti 10 gommoni. Uno solo, in mezzo al mare, avvistato con il binocolo senza richiesta di soccorso o segnalazione aerea. E’ molto, molto strano” spiega una fonte del Giornale sul fronte della lotta all’immigrazione clandestina via Mediterraneo. Nella mail di Sea eye inviata ai centri di soccorso dell’area compreso quello di Roma, in possesso del Giornale, emerge un’altra stranezza: “Vi informiamo che tutti i sistemi di comunicazione come Gps e Vsat sono fuori uso per ragione sconosciute. Il ponte è raggiungibile tramite Vhf (canale radio nda) e Thuraya (satellitare portatile nda)”. Gli addetti ai lavori stanno già indagando sul recupero dei 65 migranti, ma questa anomalia determinerà la perdita di dati importanti.
La Guardia costiera libica ha assunto, inutilmente, la responsabilità dell’operazione e proposto il porto di sbarco di Zawya a ovest di Tripoli. Dalla nave hanno risposto “nein” perchè “la motonave battente bandiera tedesca rispetta le leggi della Germania e internazionali” che considerano la Libia un porto non sicuro.


Salvini, in visita a Trieste, rispondendo ad una domanda del Giornale spiega che “le Ong stanno provando a riaprire un business che abbiamo drasticamente ridotto”. Il Viminale firma in mattinata il divieto di ingresso per l’Alan Kurdi nelle acque italiane. “La meta sicura più vicina è un porto tunisino, dove arrivano milioni di turisti e comunque se la nave è tedesca può anche scegliere la Germania. Nè l'Italia, nè Malta si faranno carico di nulla” ribadisce il vicepremier. E poche ore dopo invia una lettera al ministro dell’Interno tedesco, Horst Seehofer, spiegando che l’Italia “non intende più essere l'unico hotspot dell’Europa”. Al governo di Berlino chiede di intervenire per “assicurare il rapido sbarco delle persone a bordo” ma non in Italia “neppure ai fini di una prima accoglienza, in vista di una successiva, ipotetica operazione di redistribuzione (…) verso altri Stati”. Un’ipotesi fregatura già indicata dalla portavoce del governo tedesco.


Al fianco di Salvini si è schierato il ministro degli Esteri ungherese, Péter Szijjártó, a Trieste per firmare un accordo economico con l'area portuale. “Siamo scioccati che a Bruxelles attaccano chi difende le frontiere europee. Sono dei fiancheggiatori di chi viola la sovranità degli stati membri. Le Ong non sono state elette. Come può l’Unione europea difenderle?” dichiara il giovane rappresentante ungherese nel discorso ufficiale presso la sede della Regione Friuli-Venezia Giulia. E con il Giornale ha rincarato la dose: “Dobbiamo proteggere i confini sia marittimi che terrestri. Le navi delle Ong devono rispettare ile decisioni dei governi, altrimenti violano la sovranità nazionale degli Stati. Cosa avrebbe fatto il governo tedesco se una nave, come la Sea watch in Italia, avesse violato le acque territoriali, senza autorizzazione e colpito una motovedetta tedesca?”. E con il Giornale ha rincarato la dose: “Dobbiamo proteggere i confini sia marittimi che terrestri. Le navi delle Ong devono rispettare le decisioni dei governi, altrimenti violano la sovranità nazionale degli Stati. Cosa avrebbe fatto il governo tedesco se una nave, come la Sea watch in Italia, avesse violato le acque territoriali, senza autorizzazione e colpito una motovedetta tedesca?”.


Sul fronte della rotta balcanica dei migranti, che passa per Trieste, Salvini annuncia l’invio di 40 agenti di rinforzo per le pattuglie miste con gli sloveni, ma l’obiettivo è coinvolgere anche i croati. Il vero imbuto con 10mila migranti è la Bosnia. Fra qualche settimana si valuterà se le pattuglie miste sono sufficienti e il reale impatto “del riemergere della rotta balcanica”. Il ministro dell’Interno rispondendo ad una domanda del Giornale ha confermato che le opzioni sul tavolo sono anche le “barriere tecnologiche” con radar terrestri, stazioni acquisizione obiettivi e camere termiche in dotazione all’Esercito per individuare passeur e clandestini. “I militari hanno a disposizione queste tecnologie avanzate, che altrove vengono già utilizzate - spiega Salvini - I sistemi, che ha citato, potrebbero venire utilizzati se non bastassero le pattuglie miste, ovviamente con un accordo a tre” fra Viminale, Difesa e Slovenia.



Commenti