Animali, 9 conigli sfrattati dal terrazzo di casa

La colonia di animali ha ricevuto 300 euro di multa e un'ordinanza di sgombero per ragioni igieniche. Interpellato perfino il presidente della Repubblica

Quando nove conigli nani sono in grado di mobilitare vigili, ambientalisti, Tar e perfino il presidente della Repubblica. Tutto vero. Accade a Sondrio dove, per far sgomberare la famigliola di animaletti dal terrazzo di un'abitazione privata, è intervenuta la polizia municipale, con tanto di mandato e ordinanza. Nemmeno di trattasse di rom abusivi o di immigrati clandestini. «Quei conigli non possono stare in terrazza un minuto di più». Il motivo? Ragioni igieniche. I vicini di casa della padrona della felice colonia di coniglietti non hanno gradito i «ricordini» lasciati tra i vasi dei loro fiori. E quindi ai conigli viene ordinato di spostarsi una quindicina di metri più in là. Il testo dell'ordinanza finisce sul tavolo del Tribunale degli animali di Como e l'associazione in difesa degli animali Aidaa si occupa del caso. Tanto che nei prossimi giorni impugnerà l'ordinanza davanti al Tar della Lombardia e invierà un ricorso straordinario al presidente Giorgio Napolitano, niente po' po' di meno. Sarà chiesto il suo intervento per salvare i conigli nani sfrattati.
«Se l'ordinanza emessa fosse legittima - spiega il presidente di Aidaa, Lorenzo Croce - a Sondrio nessuno potrebbe più possedere un coniglietto nano che di fatto è considerato un animale d'affezione. I conigli vengono venduti tranquillamente in tutti i garden center. La legge pone solo per cani e gatti il numero massimo possibile di animali da poter tenere in casa». Gli animalisti, con la provocazione del ricorso, sperano che venga ritirata l'ordinanza contro i conigli, che tra l'altro, sono stati multati con 300 euro di sanzione.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti