Arrestati "Bonnie e Clyde": dieci furti in pochi mesi

La polizia di Ragusa ha arrestato una coppia di ladri: i novelli "Bonnie e Clyde" hanno svaligiato almeno 10 abitazioni

Arrestati "Bonnie e Clyde": dieci furti in pochi mesi

Almeno dieci abitazioni ripulite in pochi mesi. E dietro ci sarebbero dei novelli "Bonnie e Clyde".

Così è stata infatti soprannominata una coppia di giovani fidanzati, 29 e 25 anni, che abitavano a Ragusa e che si sarebbe specializzata in furti in abitazione.

Tutto è iniziato ad agosto 2017, quando un ragusano in vacanza a Marina di Ragusa ha denunciato un furto in pieno giorno avvenuto nella sua casa per le vacanze. L'ennesima segnalazione - con modus operandi simile - in quella zona. Così, attraverso l'esame delle immagini delle telecamere di sicurezza della zona, la polizia è riuscita a risalire ai due giovani: il ragazzo, infatti, era noto agli agenti sul territorio e pregiudicato per reati specifici. E le indagini successive li avrebbero incastrati. I sospetti avanzati dagli agenti, visionando le prime immagini, sono poi stati confermati da altre attività investigative.

I due avevano messo in atto una strategia specifica: passavano diverse volte con la propria auto davanti all'abitazione in questione per studiare le abitudini degli abitanti. Nessuno sospettava di due fidanzatini dall'aria innocua. Che in realtà si sono rivelati abili ladri in grado di aggirare i sistemi di allarme e che usavano immediatamente bancomat e carte di credito grazie ai pin custoditi spesso nelle case.

Dopo essere stati catturati, il gip ha emesso per loro l'ordinanza di custodia cautelare in carcere, lui a Ragusa e lei a Catania. "La polizia di Stato ha portato a termine un'altra importante operazione, assicurando alla giustizia una pericolosa coppia di ladri specializzati in furti in abitazione", ha commentato il dirigente Antonino Ciavola, commissario capo della polizia, "Le vittime hanno collaborato con la Squadra mobile per la ricostruzione dei furti subiti. È molto importante segnalare immediatamente i reati subiti e non lasciare incustoditi oggetti di valore e carte di debito; inoltre non bisogna mai custodire i codici pin insieme alle carte poiché anche in pochi minuti subito dopo il furto, gli autori tentano e spesso riescono a prelevare denaro".

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento