Quindi, oggi...

Che imbarazzo Lele Adani, il "bregno" di Macron e il Papa: quindi, oggi...

Quindi, oggi...: la finale dei mondiali, il Pos e l'addio di Bergoglio

Che imbarazzo Lele Adani, il "bregno" di Macron e il Papa: quindi, oggi...

- La cosa incredibile sulla questione del Pos, su cui pare il governo alla fine abbia deciso di fare retromarcia, è il fatto che il Pnrr fosse legato a una misura del genere. Come se l'evasione da 1 o 2 euro fosse quella che mette il Paese in cima alla classifica dei morosi. Pos o meno, chi vuole evadere evade. Ma è anche vero che per il governo impiccarsi a questa norma sarebbe stata una totale follia.

- Pensione a 600 euro ma solo per una certa quota di Isee. Che è lo stesso modo di dire che non si è fatto nulla.

- Leggo che gli 007 del Belgio avrebbero fatto irruzione a casa di Panzeri per piazzare delle microspie. Parliamo del Qatargate. Che i servizi segreti indaghino nell'ombra non mi sconvolge, sinceramente. Trovo strano che un caso di 'banale' corruzione sia però gestita stile terrorismo. E soprattutto che intercettazioni utilizzate senza l'autorizzazione della magistratura con tutti i crismi dello Stato di diritto finiscano nel faldone di una inchiesta e poi sui giornali. Forse ha ragione Sansonetti: manco nella Ddr.

- D'Alema dice di non essere nè un affarista né un lobbista, ma un "consulente". Che è un po' come chiamare "operatore ecologico" lo spazzino

- Sono a favore della paternità, della maternità e tutto il resto. Però che il ministro della Difesa Finlandese si prenda 2 mesi di permesso per stare col figlio appena nato, quando il Paese è a due passi dalla guerra e deve entrare nella Nato, mi pare un tantino esagerato. Poteva almeno chiedere lo smartworking.

- Papa Francesco ha annunciato di aver già firmato le dimissioni in caso di malattia invalidante. È una cosa ovviamente storica, che lo pone in netta distanza con Giovanni Paolo II che con tanta sofferenza testimoniò fino alla fine. Ma lo distingue anche da Papa Ratzinger, che invece lasciò il magistero attivo benché in buona salute generale. La Chiesa è cambiata, ovviamente. E questo ne è il segno.

- Argentina campione del mondo. Se lo sono meritato, fine.

- Francia mai scesa in campo: praticamente ha giocato l’Argentina contro Mbappè ed è quasi riuscito a vincerla. Un giocatore clamoroso: il suo secondo gol il più bello di tutto il Mondiale, ma anche delle ultime finali.

- Imbarazzante Lele Adani: l’ho detto e lo ripeto. Una cosa è essere tifoso, un’altra marciarci. Va bene il trasporto, ma senza esagerare. Presentarsi in studio con la bandiera dell’Argentina di sicuro farà parlare di sé, ma non è molto professionale. È pronto per 7GoldSport.

- È scorretto dirlo, ma sono sicuro che non pochi italiani festeggiano per la sconfitta di Emmanuel Macron. Dalle immagini si vede quello che in Umbria chiamiamo "bregno". Siamo pur sempre italiani. E loro restano i cugini francesi. Dispiace per loro, ma non troppo.

- So per certo che ad una festa aziendale nel Milanese, nei giorni scorsi alla festa dedicata a dipendenti sono state fatte trovare almeno due ragazze in perizoma natalizio dentro a due grandi “bicchieri”. Di chi parliamo? Direbbe Dagospia: ah, non saperlo…

- L'ottimo cronista Rai in studio a Doha afferma: "Sfilano via dal podio per fare posto ai campioni del mondo: i campioni del mondo della Francia". Ciaone.

Commenti