Le parole più belle

Le lacrime del Papa, Schlein e i potentati Usa. Le parole della settimana

Le lacrime del Papa, prove di Pace alla Scala, l'arte contemporanea specchio dell'oggi, ma il danaro è solo per alcuni, Elly Schlein e i potentati americani, Perù: non tutti i dittatori escono col buco

Le lacrime del Papa, Schlein e i potentati Usa. Le parole della settimana

Proviamo a dare un po' di sapore poetico ai numeri che decretano il successo delle notizie su Google. Di seguito alcune delle notizie più cliccate della settimana rivisitate e corrette.

Le lacrime del Papa

Celebrando l'immacolata concezione Papa Francesco si è commosso leggendo una preghiera alla Madonna, mentre citava il popolo ucraino. Se guardiamo alla storia dei Pontefici Massimi troviamo condottieri, politici, sovrani e statisti. Vederne uno piangere ci ricorda che sotto le pesanti maschere antiche sono esseri umani come noi. In quelle lacrime diventano modernamente liquidi anche tutti i costrutti, le strutture e i dogmi. In quelle lacrime c'è il futuro della chiesa, qualunque esso sia.

Prove di pace alla Scala

E a proposito di pace, quest'anno la Scala per la prima ha scelto il Boris Godunov. Quest'opera, capolavoro di Musorgskij, basato sull' "Amleto russo" di Puškin, è intrisa di cultura russa, ed è stata magistralmente messa in scena da un cast quasi interamente russo. L'Italia ha cambiato posizione politica sulla guerra in Ucraina? No, ma ha dimostrato che l'arte, in tutte le sue espressioni, ha il compito di andare oltre le umane divisioni e, quando è tale, parla all'intera umanità.

L'arte contemporanea specchio dell'oggi

Se parliamo d'arte, è appena terminata Art Basel Miami, una delle kermesse più importanti dell'arte contemporanea. E fra vendite milionarie – per una sola opera di Andy Warhol il prezzo è di 32 milioni di euro – e scambi economici pervasivi in ogni passaggio del processo artistico, dalla progettazione alla promozione, ancora una volta l'arte è stata specchio dell'era in cui si manifesta. Un'era i cui confini sono segnati solo ed esclusivamente dallo strumento che si fa fine, denaro, unico e vero padrone dell'umanità contemporanea. E in tutto questo resterà spazio per un po' di poesia?

Ma il danaro è solo per alcuni

Il Consiglio dell'Unione Europea ha stabilito che in Europa ci sarà un tetto al contante di 10.000 euro. E mentre ci perdiamo in dibattiti interni intorno a limiti inferiori scopriamo che per una volta l'Italia era fra i più “bravi”, visto che Germania, Olanda, Austria, Finlandia e Irlanda sino ad oggi non avevano alcun tetto al contante. In questo strano sistema il danaro è solo per alcuni.

Elly Schlein e i potentati americani

Si parla molto di lei in questi giorni. I potentati americani come Social Changes – quelli delle campagne elettorali di Obama – hanno deciso che vogliono definitivamente impadronirsi di ciò che resta della sinistra italiana e puntano su Elly Schlein per farlo. Dovesse conquistare lei il Pd ci ritroveremmo anche in Italia, come in America, con la sinistra che invece di occuparsi dei lavoratori e dei più deboli fa da portavoce per le industrie farmaceutiche nella loro conquista dei nostri corpi. Il destino è già scritto?

Perù: non tutti i dittatori escono col buco

Ma se pensiamo che la politica italiana sia indecorosa consoliamoci guardando a quello che è appena successo in Perù. Il presidente marxista Castillo con un discorso pubblico ha cercato di sciogliere il parlamento – che stava votando per destituirlo – e di dirigersi velocemente verso la dittatura. Peccato che il suo goffo tentativo si è concluso con la sua effettiva destituzione e il suo arresto. Non tutti i dittatori escono col buco.

Commenti