Baden Württemberg: fra Stoccarda e Mannheim un tour alla scoperta delle storiche città dei re

C’è un motivo se gli Staufer hanno scelto come stemma un’ aquila. Federico II amava moltissimo questi uccelli da scriverne un trattato illustrato considerato fra i manoscritti più pregiati. Le aquile si librano leggere ancora oggi sopra i castelli della Germania e come i nobili re che hanno dominato sulle terre verdi del Baden-Württemberg, guardano lontano. Nel 2010 si celebra l’anno degli Svevi, la casata imperiale che dominò mezza Europa fino al profondo sud di Sicilia. Un bel giro nei luoghi che hanno ospitato la famiglia di Barbarossa inizia da Stoccarda, la città delle «scale», famosa per la produzione di automobili lussuose e i vigneti della valle del fiume Neckar.
Capoluogo del Baden-Württemberg, gode di un parco grande 6 chilometri quadrati, soprannominato «U verde», lungo il quale l’Altes Schloss, il castello vecchio, convive vicino alla nuova reggia dell’architetto italiano Leopoldo Retti. Poco lontano la Galleria d’Arte Moderna con le opere di Picasso e Beuys. Vale la pena mangiare gli asparagi e il vitello in salsa olandese del Cube Restaurant: da questa terrazza a vetri in cima al KunstMuseum si gode la vista su tutta la città (www.cube-restaurant.de). Ingressi gratuiti e sconti con la StuttCard, informazioni www.stuttgart-tourist.de.
A un’ora d’auto c’è Ulm e il suo monastero gotico, con la torre campanaria più alta del mondo, ben 161 metri che sembrano un dito puntato verso Dio. Anche questa città di pescatori e macellai ha per simbolo un uccello: il passerotto, che per leggenda salvò il monastero dalla distruzione. Se passate al 5 della Münsterplatz, nella pasticceria della famiglia Tröglen, è addirittura diventato una delizia di cioccolato brevettata da 175 anni. Qui dove visse anche Einstein, ogni estate il sindaco promette di essere imparziale verso i cittadini, poi va alla festa delle barche sul Danubio. A Ulm c’è anche la casa più pendente del mondo: oggi albergo, costa 148 euro a notte per due (www.hotleschiefeshausulm.de). Altre notizie su www.tourismus.ulm.de.
Ma il cuore della festa partirà a Mannheim il 19 settembre quando verrà inaugurata la mostra «Gli Staufer e l’Italia»: oltre 450 oggetti provenienti da tutto il mondo che racconteranno la storia e le tradizioni dei 9 re svevi (www.staufer2010.de). Per l’occasione dalla torre del Luisenpark si potrà vedere l’enorme siepe che ritrae Federico I, con una barba che raccoglierà circa 23 mila fiori. Voli da e per Stoccarda su www.lufthansa.com.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti