Bin Laden attacca gli Usa su clima e dollaro

Nuovo messaggio audio attribuito al capo di al Qaeda trasmesso dalla tv araba <em>al-Jazeera. </em>Il leader terrorista accusa i paesi industrializzati, primo fra tutti gli Usa, di essere responsabili dei
cambiamenti climatici con le loro politiche. Poi dice: &quot;Boicottate i prodotti americani&quot;

Dubai - Un nuovo messaggio audio attribuito al leader di al Qaeda, Osama Bin Laden, è stato trasmesso poco fa dalla tv araba al-Jazeera. Dopo quello diffuso domenica scorsa, nel quale il terrorista saudita ha rivendicato il fallito attentato eseguito dal nigeriano Umar Farouk Abdulmutallab a bordo di un volo Amsterdam-Detroit, questa volta il leader di al-Qaeda parla dei problemi legati al cambiamento climatico nel mondo. In particolare Osama accusa i paesi industrializzati, primo fra tutti gli Stati Uniti, di essere responsabili dei cambiamenti climatici del mondo con le loro politiche. Bin Laden chiede inoltre, per affrontare la crisi economica mondiale, di boicottare il dollaro e i prodotti americani.

"I paesi industrializzati e in particoalre quelli più grandi sono responsabili dei cambiamenti climatici - afferma Bin Laden - Il cambiamento climatico del pianeta non è solo un’idea, ma una realtà. Loro sono responsabili perché hanno invocato gli accordi di Kyoto accordandosi sulla riduzione delle emissioni dei gas, salvo poi, per decisione di George Bush e prima ancora del Congresso americano, respingere gli accordi per accontentare le grosse multinazionali". "Ci sono loro dietro l’aumento generalizzato dei prezzi di prima necessità - dice terrorsta - e dietro la cattiva situazione economica nella quale ci troviamo".

"Ha ragione Noam Chomsky quando sostiene che c’è un legame tra la politica americana e quella delle bande mafiose", aggiunge citando l'intellettuale americano. "Sono loro i veri terroristi. Dobbiamo impedire l’uso del dollaro e liberarcene al più presto". 

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.