Bmw, Mursia e il «Tir-libreria» itinerante

È un viaggio culturale che si sviluppa in molte regioni italiane per oltre duemila chilometri. Un’iniziativa, Mursia Passpartù, voluta dalla casa editrice fondata nel 1955 (uno dei marchi storici dell’editoria italiana) per portare cultura nella provincia. La mostra itinerante si sposta a bordo di quattro autoarticolati che nelle soste si trasformano in un villaggio-libri, destinato a consultazione e lettura a titolo gratuito; un autentico e difficilmente rifiutabile invito a subire il fascino dei libri. I Tir danno vita a uno spazio d’incontro in 24 diverse città italiane e offrono l’intero catalogo Mursia, formato da 3.800 titoli, suddivisi in ottanta collane. I grandi truck carichi di volumi stazionano nelle città per due settimane: la prima sosta a Crema (fino al 31 gennaio), poi Arona, Carpi, Rovigo, fino a raggiungere Pompei, Latina e Mondovì. L’autoarticolato (lo hanno chiamato Baloo, in omaggio a Rudyard Kipling) ha all’interno dei suoi 80 metri quadri, oltre al catalogo di libri Mursia, dodici console Nintendo (che ogni sabato danno vita alla gara «Cervelli in movimento»), oltre a computer per la scrittura individuale e collettiva e un angolo per presentazioni e aperitivi.
La libreria on the road anima le piazze con una full immersion di attività letterarie per le scuole, incontri con scrittori e tante iniziative, tra cui il primo esperimento di «freebook», racconti di grandi scrittori che vengono offerti gratuitamente da Bmw, partner dell’iniziativa. In Italia si legge poco, abbiamo dimenticato tutto ciò che un libro ci può offrire: ci prende per mano e ci conduce in mondi ignoti, facendoci assaporare l’avventura, la poesia, la storia, la vita di protagonisti che hanno inciso con la propria azione lasciando ricordi indelebili. Con un libro non si è mai soli. Purtroppo pochi italiani hanno l’abitudine di recarsi in libreria per consultare le novità o lasciarsi sedurre da uno dei classici che non hanno ancora letto. Da queste riflessioni è nata l’idea di portare i libri nelle nostre case. Sabato scorso a Crema è avvenuto il debutto di questa iniziativa con la presentazione del libro di Mario Cervi e Luigi Mascheroni «Gli anni del piombo», titolo di successo per il 2009 della casa editrice Mursia.
I lettori in prima persona saranno chiamati a votare il libro più amato che al termine del tour, il prossimo dicembre, riceverà il premio letterario Passpartù. Se i lettori non vengono in libreria sarà la libreria ad arrivare direttamente a casa loro, questa la scelta che sta alla base dell’interessante iniziativa. Vogliamo «far conoscere libri e cultura a quelle persone che non hanno più modo di fare una scelta e sono costretti a leggere solamente i best-seller pubblicizzati - ha affermato Fiorenza Mursia, presidente della casa editrice - e partner del progetto sono i circoli velici, gli istituti di storia locale e associazioni culturali, librerie, assessorati alla Cultura delle città che ci ospitano».
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.