Bonaiuti: "Niente scontri Berlusconi-Tremonti"

Una nota ufficiale della presidenza del Consiglio per negare diversità di vedute tra premier e ministro dell'Economia: "Virgolettati giudizi e frasi che Berlusconi non si è mai sognato di
pronunciare e stati d’animo fantasiosi. Si dipingono trame più o meno occulte del tutto inventate"

Roma - Nessuna lite, nessun dissidio. Tra il premier e il suo Superministro dell'Economia le cose vanno bene. Anzi benissimo. "Da due o tre giorni su diversi giornali sono spuntate supposizioni prive di fondamento sui rapporti tra il presidente del Consiglio ed il suo ministro dell’Economia. Vengono attribuiti, anche tra virgolette, giudizi e frasi che il presidente Berlusconi non si è mai sognato di pronunciare e stati d’animo fantasiosi come l’irritazione o addirittura l’ira, si dipingono trame più o meno occulte ma del tutto inventate, si racconta di incontri o scontri che in realtà non sono mai avvenuti". Lo afferma in una nota Paolo Bonaiuti, portavoce del presidente del Consiglio. "L’obbiettivo è sempre lo stesso, come in casi precedenti: cercare di mettere in difficoltà il governo e le riforme. Questa operazione è destinata comunque al fallimento, allo stesso modo in cui sono fallite iniziative analoghe negli ultimi due anni".
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.