Borse: l'Ue torna positiva, Asia a due velocità

Dopo una partenza debole le borse del Vecchio continente hanno subito riconquistato il territorio positivo sulla scia dei segnali incoraggianti arrivati dalla Germania. Come far fruttare il denaro nel 2009

Borse: l'Ue torna positiva, Asia a due velocità

Milano - Le Borse europee segnano il passo ma restano positive in scia all’andamento debole di Wall Street che vede il Dow Jones perdere un punto percentuale. A livello continentale l’indice Dj Stoxx 600 segna un rialzo marginale dello 0,1%, mentre Londra (+0,5%) e Parigi (+0,7%) stanno riducendo i rialzi di questa mattina. Lo stesso vale per Francoforte (+0,2%), mentre Milano si conferma più tonica (S&P/Mib +1%).

Asia a due velocità Si sono mosse invece a due velocità le borse asiatiche dopo il rally innescato ieri dal piano Obama per l’economia. La doccia fredda sui mercati è arrivata dal governo giapponese che ha diffuso le nuove previsioni secondo cui nel terzo trimestre l’economia del Sol Levante si è contratta dell’1,8 per cento su base annua, confermando così che la recessione è peggiore del previsto. Nonostante le prospettive nere Tokyo ha chiuso in territorio positivo (+0,8%). Hong Kong e Shanghai hanno perso rispettivamente l’1,98% e il 2,54%. Positive Taiwan (+1,23%) e Singapore (+5,34%) mentre Seul ha chiuso invariata (+0,07%). Ad alimentare i timori è stata anche la notizia che Sony è pronta a tagliare 16 mila posti e a chiudere alcuni impianti.

Wall Street Intanto si profila un’apertura positiva per Wall Street. Gli occhi sono puntati sul comparto dell’auto. Proseguono infatti i colloqui tra la Casa Bianca e i leader democratici al Congresso che hanno inviato al presidente degli Stati Uniti, George W. Bush, la bozza per un piano di salvataggio dell’industria automobilistica da 15 miliardi di dollari.

Commenti