Il capitano Tedesco va al Palermo

Il capitano Tedesco va al Palermo

Giovanni Porcella

Gli ultimi minuti del mercato del Genoa consegnano una svolta clamorosa: Giovanni Tedesco che sembrava essere un punto fondamentale della squadra di Vavassori fa le valige e va al Palermo che nel frattempo aveva ceduto Bonanni alla Lazio. Una notizia inattesa, anche se per il capitano rossoblù si tratta comunque di una destinazione gradita. Lui, infatti, è palermitano doc e non ha mai nascosto di voler finire la sua carriera, a 33 anni, nella squadra della sua città. Questa estate sembrava ad un passo dal Catania, forse per divergente con l’allora tecnico Guidolin, ma Tedesco rifiutò questo trasferimento perché disse: «Sono un ultrà rosanero, non giochero’ mai nel Catania». Evidentemente era destino che il capitano dovesse chiudere col Genoa per tornare a casa, anche se il Genoa gli aveva assegnato la maglia numero sei, quella di Gianluca Signorini e lui aveva giurato amore eterno al Grifone). Così alle ultime battute di calciomercato il direttore generale Angelo Fabiani annuncia che il centrocampista va effettivamente al Palermo per 100mila euro. Così il Genoa dopo aver ingaggiato Mamede, punta sui giovani De Vezze e Botta che infatti restano.
Il presidente Enrico Preziosi, un po’ sorpreso, commenta: «Tedesco ha avuto l’opportunità della vita. Non ho fatto nulla per trattenerlo per una questione di stile. È stata una scelta che io non ho voluto, ma che ho subìto. Io sono un buono e rispetto i sentimenti perché ho capito che Giovanni voleva tornare a Palermo. Per fortuna che avevamo deciso di tenerci De Vezze e Botta». Preziosi è orgoglioso e sottolinea il bilancio del suo mercato: «Abbiamo una squadra forte, anche Rivaldo mi è stato richiesto da molti club, ma io ho detto di no. E pensare che nella cessione definitiva di Behrami alla Lazio volevo inserire l’acquisto del promettente Quadri dal Pizzighettone, quello che ci ha fatto tre gol. Ma non è stato possibile. Pazienza, andremo lo stesso in serie B». Sul fronte delle uscite non ci sono altre novità. I casi Lamacchi e Scarpi non sono stati risolti, malgrado il lavoro incessante di Fabiani. L’esterno di Bolzano ha rifiutato la Ternana, il portiere non si è accasato all’Avellino. Così le uniche uscite, oltre a quella di Tedesco, si riferiscono ai giovani Colurcio e Piervincenzi in prestito al Vittoria.