La carica dei nostalgici del Reich Odiano lo Stato, ebrei e immigrati

Sono 18mila, fra i quali mille pericolosi estremisti di destra Molti di loro non pagano le tasse e disconoscono i tribunali

Daniel Mosseri

Berlino

Le notizie a volte si contraddicono: «La Germania è diventata più sicura», ha affermato il ministro degli Interni tedesco Horst Seehofer snocciolando gli ultimi dati ufficiali sui crimini commessi nel Paese nel 2017. L'Ufficio federale di statistica ne ha contati 5,76 milioni, contro i 6,37 milioni del 2016. In calo in particolare i furti nelle case e la violenza giovanile. Eppure nello stesso periodo è cresciuto il senso di insicurezza dei cittadini: al fenomeno ha contribuito una serie di attacchi terroristici, condotti in più casi da rifugiati mediorientali nel segno del radicalismo islamico. Attacchi che, al di là delle statistiche, hanno profondamente colpito i tedeschi. Nel Paese è inoltre cresciuto un senso di intolleranza per gli stranieri alimentato dalla propaganda anti-immigrati di Alternative für Deutschland. Oggi però la Repubblica federale si interroga su un altro fenomeno inquietante, made in Germany al 100%: quello dei Reichsbürger, i cosiddetti «cittadini del Reich». Fino a due settimane fa, i tedeschi erano convinti che le persone che disconoscono la Germania moderna e rimpiangono l'Impero che sia quello di Adolf Hitler o quello finito nel 1918 con il kaiser Guglielmo II fossero poche migliaia di svitati. La sorpresa è arrivata a fine aprile, quando i servizi interni (BfV) hanno reso noto che i sedicenti Reichsbürger sono invece 18mila fra i quali mille pericolosi estremisti di destra.

A conferma che con i nostalgici del Reich c'è poco da scherzare, due giorni fa è giunta la notizia di un blitz di 800 poliziotti in tre Länder. Le perquisizioni fra Brema, Amburgo e la Bassa Sassonia hanno portato all'arresto di tre individui sospettati di aver organizzato un traffico di persone dalla Moldavia alla Germania. I tre, due tedeschi e un russo, introducevano uomini moldavi poi impiegati come contractor di sicurezza facendogli passare la frontiera con finti passaporti romeni. Gli investigatori hanno svelato che almeno uno dei tre arrestati ha legami con i Reichsbürger, presso i quali non mancano esperti produttori di passaporti, carte di identità e patenti di guida di solito con i simboli dell'Impero tedesco.

Per i cittadini del Reich la Repubblica federale tedesca non esiste: si tratta di uno Stato fantoccio imposto da potenze straniere occupanti. Il loro rifiuto della Germania moderna è totale: in molti non pagano le tasse, disconoscono i tribunali, non mandano i propri figli a scuola. E tuttavia fra di loro non mancano gli infiltrati fra i nemici, ossia fra i funzionari pubblici. I servizi tedeschi hanno finora individuato quattro dipendenti statali in Assia, tre poliziotti in Sassonia e uno in Baviera che si identificano come Reichsbürger.

I nostalgici dell'Impero non sono tutti neonazisti: di certo però sono largamente antisemiti e amanti della polvere da sparo. In mille su 18 mila dispongono di un porto d'armi dolorosamente ottenuto dallo Stato fantoccio. Uno di loro, meno incline al compromesso, nel 2016 finì sotto processo per aver tentato di acquistare un fucile d'assalto AK-47 mostrando documenti, finti, del Libero Stato di Prussia. Solo nel 2017 le odiate autorità democratiche hanno ritirato la stessa licenza di sparare ad atri 450 Reichsbürger, ha reso noto il BfV. Fra i simpatizzanti si conta anche il controverso cantante soul Xavier Naidoo, noto per i testi omofobi, complottisti e antisemiti.

Documenti finti, spie oltrecortina, un'ideologia comune, un bardo, e molte armi da fuoco. Tutto farebbe pensare a un'organizzazione illegale e segreta. «Ma quando studiosi e poliziotti parlano del movimento dei Reicshbürger' commettono un errore», spiega al Giornale Dirk Wilking del Demos, l'Istituto del Brandeburgo per la consulenza agli enti locali. Fra i maggiori esperti del fenomeno, Wilking lavora in due direzioni: da un lato cerca di impedire che i nostalgici dei tempi andati facciano nuovi adepti, dall'altro che usino violenza contro i rappresentanti delle istituzioni. Un messo comunale o un esattore fiscale possono rischiare guai seri se finiscono nelle mani di un «cittadino del Reich»: a ottobre 2016 un poliziotto inviato Georgensgmünd, in Baviera, a confiscare armi detenute illegalmente è stato ucciso a colpi di pistola mentre due suoi colleghi sono rimasti feriti. «In Germania esiste una quarantina di gruppi di Reichsbürger, slegati fra loro e accomunati solo dal rifiuto della Repubblica federale e delle sue leggi». La frammentazione non giova alla causa, «anche perché un po' in troppi si autoproclamano leader», aggiunge Wilking. Il suo giudizio sui membri del non-movimento è netto: «Sono incoerenti: da un lato ripudiano leggi e sentenze, però la legge sull'Harz-IV (il sussidio concesso ai disoccupati di lungo corso, ndr) la accettano volentieri». Il che non significa che i Reichsbürger siano tutti a carico di uno Stato che disconoscono. Non si stratta di un nuovo proletariato e fra loro ci sono lavoratori specializzati, maestri d'asilo, artigiani: più comune, invece, è il tratto anagrafico con la stragrande maggioranza di maschi fra i 35 e i 55 anni di età e titolo di studio medio. Wilking spiega anche che studiare i Reichsbürger non è troppo arduo: lungi da uno stile di vita carbonaro, «sono contenti di esporre la loro prospettiva e quando attaccano a parlare non la smettono più». Fra loro non mancano poi quelli che non ce la fanno: persone ai margini, individualisti, sociopatici. In un Paese noto per avere una burocrazia efficiente quanto pervasiva, il loro destino è spesso tragico. «Non pagano le tasse, vanno in bancarotta, vengono condannati più e più volte, e in molti finiscono per togliersi la vita». L'unico movimento politico per il quale hanno simpatia è quello anti-islamico e xenofobico di Pegida.

«Eppure loro stessi praticano una forma di migrazione», conclude Wilking spiegando che non si diventa Reischbürger per diritto ereditario. «Sono persone che vogliono lasciarsi alle spalle questo Stato e uscire dal sistema senza però spostarsi fisicamente in un altro».

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Accedi
ilGiornale.it Logo Ricarica