Carnevale, grande successo per il costume da Schettino

Imperversa tra le sfilate di Carnevale il costume da "Schettino", e non solo in Italia. In Germania i travestimenti da marinai e ufficiali sono andati a ruba

Carnevale, grande successo  per il costume da Schettino

Siamo nel pieno della settimana del Carnevale e, come da pronostico, il costume che va per la maggiore è quello da "Schettino". C'era da aspettarselo. Il Capitano della Concordia è stato deriso da tutto il mondo e la sua faccia non poteva che apparire tra le sfilate e i carri del Carnevale.

Insomma, quest'anno le vie italiane si sono riempite di ufficiali, di marinai, di capitani di nave. Il caso più famoso è quello di un bambino napoletano, Samuel, di sei mesi, in divisa da ufficiale, con tanto di cappellino, e una piccola nave di cartone montata sul suo passeggino. Non ci sono dubbi: i colori e le insegne richiamano alla Costa Concordia.

Nonna Rosaria, creatrice del travestimento, ha commentato: "È solo un costume ispirato ad un fatto di attualità di cui tutti parlano". La nonna racconta di aver portato il nipotino in giro per le piazze della città, attirando l’attenzione dei passanti, molti dei quali hanno chiesto di scattargli alcune foto.

Anche il padre di Samuel ha commentato la vicenda: "Domenica scorsa c’era tanta di quella gente intono al bambino che non riuscivamo a camminare", aggiungendo che "alcuni mi hanno chiesto le ragioni della scelta, ma la nostra intenzione era solo quella di essere originali senza esprimere in nessun modo giudizi sulla persona Schettino".

In aggiunta alla nave di cartone non manca un cartello con la celebre frase pronunciata dal Capitano De Falco : "Salga a bordo, c****". Il travestimento ha suscitato l’indignazione di molti, tra cui il commissario regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e il presidente provinciale degli ecologisti di Napoli, Carlo Ceparano.

Il costume del traditore ha riscosso grande successo anche in Germania, dove, tra una pinta di birra e un wurstel, decine di "Skettini" hanno sflato, da soli o in gruppo, non perdendosi un'altra importante occasione per deridere noi italiani.

Commenti