Castelletto festeggia la Croce Blu

Una festa durata due giorni interi per il quartiere e per i volontari della Croce Blu Castelletto: sabato e domenica scorsi la pubblica assistenza ha inaugurato la tanto attesa nuova sede di Corso Solferino 29, dopo oltre 7 mesi passati in camper.
Lotteria di beneficenza, animazione e musica dal vivo con le cornamuse di Guy Curtois e Elena Group: allo stand gastronomico Mirella Mazza, voce storica del centralino della Blu di Castelletto, ha proposto pizzette, focacce e dolci. I giovani volontari coordinati da Giorgia Righetti hanno curato anche l'esposizione dalla pittrice Adriana Romeo e dei disegni dei bambini della scuola Padre Assarotti sul tema sensibile del bullismo.
«Ci sono voluti 2 anni ma finalmente il Comune e il Municipio ci hanno assegnato gli spazi di Villa Gruber, per i quali la nostra pubblica assistenza ha speso circa 70mila euro di lavori infrastrutturali». Guido Bragoni, vice presidente della Croce Blu di Castelletto, è da sempre in prima linea nel dialogo con le autorità per l'assegnazione di una sede istituzionale: «Lo sfratto dalla sede di Salita di San Nicolò risale al 16 ottobre del 2009: da allora abbiamo pagato un affitto di 1500 euro al mese per poter stare in camper. Mi sembra giusto dare risalto a questo evento che corona le fatiche e gli sforzi profusi dalla Croce Blu Castelletto in questi vent'anni di volontariato e l'impegno dimostrato dalle autorità cittadine affinché la richiesta di una nuova sede venisse esaudita».
La Croce Blu di Castelletto è stata fondata il 15 maggio 1990 e conta più di mille associati, dei quali un centinaio sono volontari attivi sulle ambulanze. Fin dalla sua fondazione l'Associazione si cura della formazione del personale che presta servizio sulle ambulanze, e negli anni ha realizzato innumerevoli corsi di formazione in tutti gli istituti scolastici della Circoscrizione.
Dal punto di vista operativo la Croce Blu Castelletto dispone di 7 mezzi con i quali svolge più di 1100 interventi al mese: 4 di questi mezzi sono allestiti per tutte le manovre Basic Life Support e Basic Trauma Life Support.
Ora i militi della Croce Blu hanno una nuova casa, nel cuore del quartiere di Castelletto: nonostante i disagi la Croce Blu ha sempre garantito il trasferimento dei pazienti in ospedale, i servizi di primo soccorso e i corsi di formazione a tutto il Quartiere.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti